Spaccio, un anno e sei mesi per un 34enne - Ordine di carcerazione eseguito ieri dalla polizia
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


31 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 22/04/2016

Spaccio, un anno e sei mesi
per un 34enne

Ordine di carcerazione eseguito ieri dalla polizia

Immagine di repertorioNella giornata di ieri personale della Polizia di Stato ha eseguito l’ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso dal Tribunale Vasto, nei confronti di M.F., oggi 34 enne, ritenuto responsabile di reati inerenti la detenzione, spaccio e traffico di sostanze stupefacenti commessi, in concorso con altri, a Vasto e San Salvo, oltre che a Napoli e a Castiglione Messer Marino, nel 2011.

Come spiegano gli uffici del Commissariato di Vasto, diretto dal vice questore Alessandro Di Blasio, l'uomo "unitamente ad altri complici fu implicato in una complessa operazione che portò allo scoperto l’attività di un’organizzazione criminale dedita al traffico di ingenti quantitativi di stupefacente. All’uomo, con innumerevoli e vari pregiudizi di Polizia, soprattutto per reati inerenti gli stupefacenti e contro il patrimonio, dopo la custodia cautelare in carcere, era stata inflitta la pena della detenzione domiciliare. Dovendo ancora espiare anni 1 e mesi 6 di reclusione, oltre alla pena pecuniaria di 5mila euro e considerato che il Magistrato di Sorveglianza di Pescara ha rigettato la proposta di applicazione dell’esecuzione della pena detentiva presso il domicilio, nei confronti del predetto è stato emesso l’ordine di custodia cautelare in carcere. Dopo le formalità di rito, l’uomo è stato associato presso la Casa Circondariale di Vasto".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi