Mille metri di reti abusive sequestrate dalla Guardia Costiera - Continuano i controlli dell’Ufficio Circondariale Marittimo
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 15/04/2016

Mille metri di reti abusive
sequestrate dalla Guardia Costiera

Continuano i controlli dell’Ufficio Circondariale Marittimo

Una parte delle reti sequestrateContinuano i controlli dell'Ufficio Circondariale Marittimo di Vasto sulle reti abusive davanti alla costa vastese. Questa mattina all'alba gli uomini del comandante Cosimo Rotolo hanno sequestrato "reti da posta di tipo tremagli per una lunghezza complessiva di 1000 metri (oltre a n. 6 ancorotti in ferro ed altrettanti segnali galleggianti) posizionati, in violazione della normativa vigente, a distanza dalla costa inferiore ai 300 metri minimi previsti e non riportanti alcuna matricola identificativa".

Come spiega il tenente di vascello Rotolo, "dai risultati prodotti in quest’ultimo periodo si ha evidenza come continuino ad essere numerosi i pescatori abusivi che utilizzano attrezzi non conformi ed in aree vietate. Tale attività, oltre che aumentare lo sforzo di pesca andando ad inficiare l’area marittima sotto costa destinata al ripopolamento delle specie, continua a rappresentare una forma di concorrenza sleale atteso che il prodotto pescato viene immesso illecitamente nella filiera commerciale".

Il comandante della Guardia Costiera di Vasto ricorda che "con l’inizio della stagione balneare gli attrezzi dovranno essere posizionati ad almeno 500 metri di distanza dalla costa".

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi