CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


2 agosto 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 12/04/2016

Dal gesto d’amore di un vastese
espianto d’organi a Lanciano

L’operazione eseguita per la prima volta fuori dall’ospedale

Angelo Michele Vallese"Espianto d’organi per la prima volta all’hospice di Lanciano". Lo annuncia la Asl Lanciano Vasto Chieti, relativamente a una vicenda che ha visto protagonista il vastese Angelo Michele Vallese che, come spiegano gli uffici Asl, "aveva espresso la volontà di donare gli organi quando per lui non ci fosse stata più speranza".

"E così - prosegue la nota della Asl - questa mattina all’hospice 'Albachiara' di Lanciano si è compiuto l’estremo gesto d’amore di un paziente per il quale si è subito messa in moto la procedura prevista per gli espianti. Ad allertare l’équipe dell’ospedale 'Renzetti' è stato Pierpaolo Carinci, direttore della struttura, il quale, acquisito anche l’assenso dei famigliari, ha preso contatti con l’anestesista Fabrizio Fumarola, coordinatore dei trapianti, per consentire l’espianto degli organi integri, limitato nel caso specifico alle cornee. È stata così coinvolta l’unità operativa di Oculistica, diretta da Domenico Pellegrini, che ha messo a disposizione uno dei medici per l’operazione. Sul posto, a distanza di qualche ora appena dalla comunicazione dell’avvenuto decesso per arresto cardiaco del paziente, è giunta un’équipe composta dallo stesso Fumarola, dall’oculista Alessio Liberatoscioli e da Andrea Presutti della sala operatoria per procedere al prelievo delle cornee. L’operazione si è protratta per circa due ore, al termine delle quali gli organi sono stati inviati alla Banca degli occhi all’Aquila, che provvede a inviarli alla struttura che ne fa richiesta per un trapianto".

"È la prima volta  - sottolinea Fabrizio Fumarola referente del Centro regionale trapianti diretto da Antonio Famulari - che un espianto di organi è eseguito fuori dall’ospedale grazie a un’efficace intesa con una struttura come l’hospice che più di altre conosce la sofferenza e dove un gesto di straordinaria generosità come questo assume ancora più valore. Ritengo doveroso, perciò, ringraziare prima di tutto i famigliari del paziente che, in un momento di così grande dolore, hanno voluto onorare la sua volontà, e tutti gli operatori della nostra Azienda che si sono resi disponibili per quest’intervento".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi