Wwf: "Comune ha sbancato le dune", Smargiassi interroga D’Alfonso - Ambientalisti denunciano danni nella Riserva di Marina di Vasto
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


15 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Ambiente 01/04/2016

Wwf: "Comune ha sbancato le dune",
Smargiassi interroga D’Alfonso

Ambientalisti denunciano danni nella Riserva di Marina di Vasto

Riserva Marina di Vasto: duna danneggiataLa Riserva naturale Marina di Vasto violata dalle ruspe, che hanno parzialmente sbancato il paesaggio dunale. A denunciare il danno ambientale è il Wwf. E ora il consigliere regionale Pietro Smargiassi (Movimento 5 Stelle) annuncia un'interpellanza al presidente della Regione Abruzzo, Luciano D'Alfonso.

Wwf: "Sbancate le dune" - "Anche a Vasto siamo alle solite, nonostante anni di lettere, esposti, rapporti di collaborazione fra tutti i portatori di interesse, le ruspe continuano a pulire, senza alcun criterio naturalistico, spiagge e ambienti dunali. Come nel Teramano (Roseto degli Abruzzi), così a Vasto, nei giorni scorsi un mezzo meccanico ha alterato tutto il fronte dunale della Riserva Marina di Vasto, nonché sito Sito di Importanza Comunitaria (SIC), passando a pochi centimetri dalle dune e, in qualche caso, sopra di esse. Per circa tre chilometri di lunghezza, la ruspa ha eliminato tutta la vegetazione del piede della duna, ha danneggiato - in molti tratti - la duna stessa e ha irrimediabilmente compromesso, per un lungo periodo, uno dei più importanti siti di nidificazione in Abruzzo della specie fratino". Lo afferma il Wwf in un comunicato stampa. 

Ad accorgersene sono stati i volontari delle Guardie WWF e del Gruppo Fratino Vasto (GFV). Incredibile fatto, se si pensa che solo pochi giorni prima il coordinamento regionale per la tutela del Fratino in Abruzzo (di cui fa parte anche la Riserva Regionale di Punta Aderci e il Gruppo Fratino Vasto) ha inviato a tutti i comuni costieri le disposizioni per un corretto intervento sul litorale, coniugando pulizia e tutela ambientale, invitando a tenersi ad una distanza di 10 metri dal piede della duna. Sono state ignorate le Norme Transitorie di Salvaguardia della Riserva Marina di Vasto, la legge regionale di protezione della flora e la continua disponibilità a collaborare sulla questione da parte degli attivisti delle associazioni, in particolare del Wwf. L’episodio appare ancora più incomprensibile se si pensa alla pubblicità positiva per il nostro territorio che questo piccolo uccello e le dune inducono con la realizzazione di libri, pubblicazioni scientifiche, partecipazione a convegni, documentari. Insomma, una incomprensibile manchevolezza, sia sotto il punto di vista naturalistico, che di gestione del territorio.

Ora speriamo solo che per il futuro prossimo (è appena iniziata la stagione di nidificazione del Fratino) ci sia più attenzione da parte di chi deve pianificare la gestione del demanio pubblico costiero. E’ auspicabile che l’amministrazione comunale di Vasto, vincoli la società incaricata per la pulizia della spiagge al rispetto di regole ben definite per la tutela del patrimonio naturale, con clausole che prevedano anche un rimborso del danno ambientale, se prodotto, almeno sino a quando l’iter del piano di gestione del SIC sia ultimato e la recinzione di protezione delle dune venga finalmente messa a punto".

Smargiassi (M5S): "Interpellanza a D'Alfonso" - "Da cittadino sono veramente preoccupato nel leggere quanto denunciato dalle guardie WWF in merito ai danni provocati nella zona dunale della Riserva Marina di Vasto", afferma Smargiassi, che si dice "preoccupato ma soprattutto sconcertato nel prendere atto che si è permesso di agire in danno di territori protetti ed ignorando le norme di legge…..di fatto la tutela dell'ambiente è stata accantonata creando pregiudizio alle bellezze naturali presenti nella Riserva, meritevoli di un'attenzione ben diversa. Fa specie soprattutto parlare di Regione attenta all'ambiente quando poi ci si trova a dover combattere contro il pericolo di nuove piattaforme petrolifere oppure, come nel caso odierno, contro atti che vanno a danneggiare irrimediabilmente paesaggi riconosciuti di interesse comunitario. Nei prossimi giorni depositerò un'interpellanza per conoscere responsabilità e chiedere impegni concreti a tutela della Riserva Marina di Vasto".

 

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi