"Non ci sono più condizioni", il Montalfano ritirato dal campionato - La decisione del presidente Sante D’Alberto dopo 10 anni di vita della società
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Cupello   Sport 01/04/2016

"Non ci sono più condizioni", il
Montalfano ritirato dal campionato

La decisione del presidente Sante D’Alberto dopo 10 anni di vita della società

Giocatori del MontalfanoIl pallone a Montalfano non rotolerà più, almeno quello di Prima categoria. Il presidente Sante D'Alberto ha infatti deciso di ritirare la squadra dopo 10 anni di militanza nei campionati di Prima, Seconda e Terza. Non si conoscono le ragioni di una decisione così netta; lo stesso D'Alberto contattato telefonicamente da zonalocale.it ha confermato il ritiro: "Non ci sono più le condizioni perché questa squadra vada avanti. Dopo 10 anni di grandi emozioni è arrivato il momento di chiudere bottega".
Nato nella stagione 2006/2007, il Gs Montalfano ha conquistato ai play off la Seconda categoria nel campionato 2010/2011 e ha vinto con largo anticipo lo scorso campionato esordendo quest'anno in Prima (girone B). Attualmente occupa l'ottava posizione con la quota play off distante una manciata di punti.

"Ci dispiace non poter concludere questo campionato – ha aggiunto Sante D'Alberto – che tra l'altro stavamo disputando in maniera egregia, ma ormai sono venute meno tutte le condizioni iniziali".
Interpellato sulla possibilità di un ripensamento il presidente esclude passi indietro: "Oggi stesso andrò a L'Aquila per riconsegnare i documenti in Figc ed evitare sanzioni".

Nel prossimo turno (domenica 3 aprile) il Montalfano avrebbe dovuto incontrare in trasferta il Fresa, diretta concorrente per i play off. Ora per i biancorossi si prospetta una domenica al mare.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi