Rotatoria pericolosa, "per l’Anas è colpa degli automobilisti" - Il Comune di San Salvo torna a sollecitare interventi
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


6 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

San Salvo   Attualità 09/03/2016

Rotatoria pericolosa, "per l’Anas
è colpa degli automobilisti"

Il Comune di San Salvo torna a sollecitare interventi

La rotatoria

L'elevato numero di incidenti che si verificano nei pressi della rotatoria sulla statale 16 al confine tra San Salvo e Montenero di Bisaccia "è da attribuirsi in via esclusiva alla condotta non corretta degli utenti, soprattutto in termini di mancato rispetto della segnaletica stradale presente in corrispondenza della rotatoria". Questo è quanto affermato dall'Anas nella risposta inviata al Comune di San Salvo dopo le ripetute richieste di intervento per la messa in sicurezza. 

L'amministrazione guidata da Tiziana Magnacca aveva scritto all'ente che gestisce la strada per "chiedere un incontro sia per lo stato manutentivo e sia per la sicurezza degli automobilisti". Per l'Anas, però, la situazione è nella norma: "Non si evidenziano particolari criticità, come confermato dal personale d’esercizio Anas che quotidianamente sorveglia lo stato manutentivo del tratto stradale". 

A questa lettera ha fatto seguito un incontro, tenutosi la scorsa settimana a Pescara, al quale ha partecipato il vicesindaco Angiolino Chiacchia che contestando la ricostruzione "rassicurante dell’Anas" e insistendo per la sistemazione della rotatoria, "ha sollecitato l’Ente per il rifacimento dell’asfalto, il miglioramento della segnaletica stradale e dell’illuminazione", spiega una nota del Comune di San Salvo. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi