Stella Maris, crolla un pezzo del muro di cinta della canonica - Muro transennato da 2 mesi a causa del cedimento del muraglione ex Fs
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


22 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 05/03/2016

Stella Maris, crolla un pezzo
del muro di cinta della canonica

Muro transennato da 2 mesi a causa del cedimento del muraglione ex Fs

Il pezzo di cornicione crollatoCrolla un pezzo del cornicione superiore del muro di cinta della canonica, che delimita il cortile della chiesa di Stella Maris. Transennato ormai da due mesi, da quando si è allargata una preoccupante crepa lungo il muraglione di contenimento della sovrastante area di risulta della ex stazione ferroviaria, il muro ha in parte ceduto nei giorni scorsi. Servono interventi urgenti.

Ex stazione, la lettera aperta - "E' in completo degrado la vecchia stazione di Piazza Fiume alla Vasto Marina. In molti segnalano come il rudere sia un ritrovo di ratti e, col calare della sera, di stranieri". A chiedere che si intervenga dopo oltre un decennio di totale abbandono è un residente di Vasto Marina, F.D.A.

"La porta dell'ex ufficio del capostazione, riparata in passato dalla Protezione civile, è stata sfondata di nuovo. C'è la presenza da moltissimi mesi di un vecchio water in mezzo al parcheggio. C'è un faro della pubblica illuminazione, ma non è stato mai acceso e tanti anziani hanno paura a passare lì. Basti ricordare che, qualche anno fa, una signora, mentre passava di lì per recarsi in chiesa, è stata derubata. I cittadini della marina chiedono un controllo maggiore e una risitemazione dell'area di risulta, pericolosa specie nelle ore nottune e al calare della sera".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi