Omidicio Strever, la Cassazione conferma: 30 anni di carcere - La sentenza definitiva sul delitto avvenuto a Vasto il 19 dicembre 2012
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 15/02/2016

Omidicio Strever, la Cassazione
conferma: 30 anni di carcere

La sentenza definitiva sul delitto avvenuto a Vasto il 19 dicembre 2012

Vasto, dicembre 2012: la finestra rotta nella casa in cui è avvenuto l'omicidioHamid Maathaoui è il responsabile dell'assassinio di Michela Strever, la 73enne legata, picchiata e soffocata nel 2012 a Vasto.

Lo stabilisce la sentenza con cui la Corte di Cassazione ha reso definitiva la condanna a 30 anni di reclusione inflittagli in primo grado dal gup del Tribunale di Vasto, poi confermata dalla Corte d'Appello dell'Aquila. 

"I magistrati della Suprema Corte - spiega l'avvocato Arnaldo Tascione, legale della famiglia Strever - hanno definitivamente riconosciuto le aggravanti della minorata difesa della vittima", che aveva problemi di deambulazione, "e della crudeltà, visto che, prima di soffocarla, l'omicida le aveva provocato fratture al busto".

Il delitto avvenne il 12 dicembre 2012 nella casa della donna, in via de Nardis, nella parte nord del territorio comunale di Vasto. In base a quanto accertato dagli investigatori, fu un omicidio a scopo di rapina: la 73enne fu uccisa per rubare appena 60 euro.

Hamid MaathaouiA seguito delle indagini, condotte dalla Procura di Vasto e dai carabinieri anche attraverso le intercettazioni telefoniche, il 28 febbraio 2013 i militari rintracciarono e arrestarono Mathaoui, marocchino che allora aveva 36 anni, a Barletta, dove si era rifugiato da alcuni suoi connazionali.

Al cospetto dei magistrati di Vasto, l'uomo rese un'ampia confessione. La condanna di primo grado gli fu inflitta il 22 ottobre 2013 al termine del processo, svoltosi con rito abbreviato. 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi