La "Maledizione" dei Nectarines: nuovo album della band abruzzese - Dieci tracce da scoprire tra testi graffianti e musiche accattivanti
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Musica 09/02/2016

La "Maledizione" dei Nectarines:
nuovo album della band abruzzese

Dieci tracce da scoprire tra testi graffianti e musiche accattivanti

I Nectarines [foto Fabio Kai Gaspari]

Ne avevamo già parlato poco più di un mese fa in una serata passata nel loro studio di registrazione [GUARDA]. Ora è ufficialmente uscito Maledizione, secondo album dei Nectarines, edito da La Clinica Dischi in collaborazione con Satellite Records. Una delle novità, rispetto al disco d'esordio della band abruzzese, sono i testi in italiano. Parole graffianti, accompagnate da ritmi coinvolgenti, per un "tortuoso percorso attraverso la condanna dell’uomo a vivere una vita di sintesi e abnegazione del suo essere, pena alla quale sembra essersi volontariamente sottoposto perché troppo occupato a coltivare la sua totale passività".

"In una società in decadenza l'arte, se veritiera, deve riflettere la decadenza”. E a meno che non voglia tradire la propria funzione sociale l’arte deve mostrare un mondo in grado di cambiare. E aiutare a cambiarlo".

Le dieci tracce di Maledizione riescono a "guidarci attraverso l’analisi del declino che vede protagonisti in senso stretto molti aspetti delle nostre vite e di farci riflettere sulla solitudine di cui l’uomo può circondarsi, sulla facilità con cui i nostri castelli di sabbia possano sgretolarsi, travolti dalle maree del fato e, di conseguenza, su quanto sia importante una vera interazione con il mondo attorno a noi".

La copertina del discoTra i versi dei testi dei Nectarines c'è lo sguardo "ai più comuni aspetti della vita di un tipico borgo italiano, ove le interrelazioni assumono modalità pirandelliane e le identità camuffano la loro vera natura dietro maschere d’ipocrisia ed ego smisurato. L’aspetto folkloristico non manca certo di presentarsi all’ascoltatore, che può a tutti gli effetti percorrere un viaggio attraverso la quotidiana battaglia di persone comuni capaci, nel loro piccolo, di grandi gesti, grandi vittorie, ma allo stesso tempo inclini a cadere nel vorticoso tunnel dell’ambiguità morale".

Anticipato dal singolo e dal video di Maledizione, quello di "Libertè, egalitè, ma nun me rompe..." [GUARDA], il disco sarà disponibile sia nel formato digitale (iTunes, Google Play, Spotify), che in quello fisico, impreziosito dalle realizzazioni grafiche di Lorena Marinucci, acquistabile durante i prossimi live della band o contattando direttamente i Nectarines sulla loro pagina facebook [CLICCA QUI].

I Nectarines: Fabio Tumini (voce, chitarre), Angelo Malak Ciavatta (voce, basso), Davide Marcone (batteria), Marcello Raspa (chitarra) 

di Giuseppe Ritucci (g.ritucci@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi