Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


18 aprile 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   L'angolo dei lettori 29/01/2016

"Vado a fare gli accertamenti
e all’uscita trovo una multa"

La protesta - "Cambiare le regole della sosta vicino all’ospedale"

La contravvenzione"Dopo che un paziente spende centinaia di euro per problemi personali, all'uscita si ritrova anche una multa". A protestare è Umberto Tinaro, lettore di Zonalocale, che racconta quanto gli è accaduto stamani e chiede una diversa regolamentazione della sosta a pagamento nell'area dell'ospedale San Pio da Pietrelcina di Vasto. 

"Questa mattina - scrive nella mail inviata alla redazione - mi sono recato presso il nosocomio San Pio di Vasto per fare degli accertamenti alle ore 8, ho messo l'auto nei parcheggi a pagamento. I parcheggi già pochi, quasi che i posti auto non bastano nemmeno per i dipendenti, figuriamoci per i pazienti che vi si recano ed ogni mattina trovare il parcheggio è una fortuna. Nel mio caso, trovato il parcheggio, per lo più a pagamento, pago la sosta per due ore. I miei accertamenti, che durano mediamente mezz'ora e sono fatti con urgenza, questa mattina hanno avuto ritardo. Io la sosta l'ho pagata per 2 ore, avendo cosi un margine di tempo a disposizione. Tornando alla macchina con 26 minuti di ritardo, trovo sul parabrezza una multa. Secondo me, davanti ad un ospedale non può esistere un parcheggio a pagamento con tariffa anticipata, perché non si sa cosa può succedere una volta dentro. Penso succeda solo in questo comune, perché negli altri ospedali il parcheggio si paga in uscita. Dopo che un paziente spende centinaia di euro per problemi personali si trova all'uscita anche una multa". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi