Fughe d’amore, assolto il 23enne di Cupello - La sentenza: non c’è stata sottrazione di minorenne
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Cupello   Cronaca 22/01/2016

Fughe d’amore, assolto
il 23enne di Cupello

La sentenza: non c’è stata sottrazione di minorenne

Aula del Tribunale di VastoNon c'è stata sottrazione di minore. E' stato assolto con furmula piena il giovane di Cupello scappato tre volte con la sua ragazza minorenne. E' l'esito del processo scaturito dalle fughe d'amore dei due ragazzi, che si erano allontanati da casa e dal loro paese per tre volte tra il 2012 e il 2014.

Le fughe - I due protagonisti di una storia che ha tenuto col fiato sospeso due famiglie, hanno attualmente 23 anni lui e 17 lei. La prima fuga risale a ottobre 2012, quando i carabinieri ritrovarono i due ragazzi in una stazione di servizio a Isernia. A seguito di quell'episodio, la famiglia di lei presentò una denuncia per sottrazione di minorenne. L'anno successivo, i due fecero di nuovo perdere le loro tracce per 22 giorni, prima di essere ritrovati dai militari a Martinsicuro. 

Infìne, il 28 maggio 2014, alla vigilia dell'inizio del processo, entrambi scomparvero per la terza volta, poi rintracciati a Pescara l'11 giugno successivo.

La sentenza - Al termine della requisitoria, la pubblica accusa, rappresentata dal pm Mariagrazia Marino, ha chiesto l'assoluzione per insufficienza di prove. 

L'avvocato difensore, Angela Pennetta, nella sua arringa ha sostenuto l'esistenza dello stato di necessità, chiedendo che il ventitreenne fosse assolto con formula piena. 

Il giudice, Rosanna Buri, chiamato a decidere in merito alle prime due fughe, quelle del 2012 e del 2013, ha statuito che i fatti non sussistono, pronunciando la conseguente sentenza di assoluzione. 

"Siamo soddisfatti - commenta la Pennetta - perché siamo riusciti a dimostrare in giudizio il reale svolgimento dei fatti". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi