CHIUDI [X]
 
Palmoli   Cultura 22/12/2015

Il Natale a Palmoli tra ricerca
culturale e presepi in mostra

Spettacolo di apertura che ha affascinato grandi e piccini. Mostra fino al 10

Marcello Sacerdote e Sebastian Giovannucci"Un lavoro basato sulle fonti scritte presenti nelle pubblicazioni dei ricercatori e – soprattutto – in quelle orali, tramandate a voce dagli anziani che hanno vissuto la tradizione".
Con queste parole l'artista pescarese Marcello Sacerdote ha spiegato, domenica scorsa, cosa c'è dietro lo spettacolo "La Santa Allegrezza" che ha aperto la mostra dei presepi di Palmoli all'interno del castello. Insieme a Sebastian Giovannucci (il duo fa parte di Murè Teatro e I lupi della Majella) ha incantanto bambini, per la prima volta a contatto con alcuni canti della tradizione difficili da rintracciare nel repertorio attuale, e adulti che hanno piacevolmente ritrovato i ricordi del passato. 
Lo spettacolo non ha offerto solo balli e canti accompagnati da fisarmonica e "vurra vurra", ma anche storie "legate alla Bibbia, ma che con la cultura orale hanno preso un'altra forma tramandandosi da persona a persona. Sono racconti che non si trovano sulla Bibbia, ma che fanno parte del nostro patrimonio orale e di quello preso in prestito da Napoli, una volta capitale del Regno. Sono storie, infine, nate anche per raccontare l'origine dell'importanza (in chiave religiosa) di alcuni elementi come l'ulivo, il grano ecc.".

Palmoli ha scelto così di associare alla tradizione simbolo del Natale – il presepe – i risultati di un lavoro di ricerca culturale capace di appassionare ogni fascia d'età.
L'iniziativa – alla prima edizione – è stata promossa dall'amministrazione comunale di Palmoli che ha coinvolto tutte le associazioni locali (Amici di Palmoli, Pro Loco ecc.). Il riscontro è stato positivo già dalle prime ore di apertura con un buon afflusso di visitatori. 

Luca Barisano, consigliere comunale che più da vicino ha seguito l'evento, illustra i numeri del progetto: "La risposta delle associazioni è stato molto positivo così come quella degli espositori. Abbiamo 50 presepi non solo del paese: 12 vengono da Vasto, 2 da Carunchio, 1 da Fossacesia, molti poi da San Salvo, realizzati da palmolesi che si sono trasferiti. Abbiamo anche alcuni pezzi da fuori regione: 1 dal Molise (Mafalda) e 3 dall'Umbria".

Uno dei presepi in mostraLe realizzazioni sono state divise in due categorie – Junior e Adulti – e numerate anonimamente, ogni visitatore è chiamato a esprimere una preferenza per entrambe. La fantasia e la creatività sono le protagoniste della mostra. Ci sono presepi fatti di pastasciutta o interamente a mano con la terracotta; altri sono stati ricavati all'interno di vecchie botti o contenitori per il vino. Tronchi trovati sulla spiaggia, vetro, elementi di recupero: tantissimi i materiali usati per un risultato unico originale.

La mostra resterà aperta nei giorni 23,24, 26, 27, 28, 29, 30 dicembre e 1, 2, 3, 6 (giorno della premiazione), 9 e 10 gennaio dalle 16 alle 19.

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi

       

      Chiudi
      Chiudi