CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


6 marzo 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 22/12/2015

Aggressioni con pistola e accetta,
4 assoluzioni e una condanna

L’udienza decisiva è durata oltre 8 ore: tutti liberi

Tre assoluzioni e una condanna con sospensione della pena. E' la sentenza del processo relativo ai due episodi di violenza avvenuti nella primavera del 2014 a Vasto.

Al termine di oltre 4 ore di camera di consiglio, il Tribunale di Vasto ha emesso il verdetto: assolti con furmula piena Marco Maranca, Antonio Santoro e Fabio Scafetta; condannato a 3 anni e 6 mesi con reato derubricato, pena sospesa e remissione in libertà Jari Pellerani. 

Due le vicende su cui era chiamato a decidere il collegio giudicante, composto da Bruno Giangiacomo (presidente), Italo Radoccia e Fabrizio Pasquale (giudici a latere): i colpi di pistola esplosi l'8 aprile 2014 in via del Porto contro Pellerani e l'aggressione a colpi di accetta avvenuta in via del Giglio il successivo 4 giugno ai danni di Michele Lattanzio, poi condannato dal gup, a marzo di quest'anno, a 8 anni di reclusione nel processo, svoltosi con rito abbreviato, perché ritenuto il conducente della moto con la quale è stato compiuto l'attentato dell'8 aprile 2014.

Udienza fiume - E' stata una lunghissima giornata. L'udienza decisiva, quella della discussione che precede la decisione dei magistrati, è durata 5 ore, dalle 9,30 alle 14,30. La pubblica accusa, rappresentata dal pm Enrica Medori, al termine della requisitoria ha chiesto condanne per tutti gli imputati. Poi le arringhe degli avvocati difensori Giovanni e Antonello Cerella, Elisa Pastorelli, Arnaldo Tascione e Raffaele Giacomucci. 

La sentenza - La corte si è riunita in camera di consiglio dalle 14,30 alle 18,45. Al rientro in aula, il presidente ha letto la sentenza: assolti perché il fatto non sussiste Maranca, Santoro e Scafetta; derubricato da tentato omicidio a lesioni dolose il capo d'imputazione nei confronti di Pellerani, condannato a 3 anni e 6 mesi con pena sospesa e remissione in libertà. Per lui gli avvocati Elisa Pastorelli e Giovanni Cerella annunciano che ricorreranno al secondo grado di giudizio: "Presenteremo appello. Esprimiamo soddisfazione per la derubricazione", dichiara Pastorelli. "Ci aspettavamo questo verdetto", aggiunge Cerella.

Soddisfatto anche Tascione "per l'assoluzione del mio assistito dal reato grave che era stato ipotizzato". 

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi