Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


2 agosto 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

San Salvo   Attualità 15/12/2015

"Un calendario contro i pregiudizi
sulle terapie del dolore"

Bcc Valle del Trigno e Isal "insieme per guarire il dolore"

I calendari realizzati da Bcc e Isal"Ci sono 13 milioni di persone affette da dolore cronico in Italia (il 26% della popolazione) di cui il 10% necessita di terapie per tutta la vita e 4 milioni non hanno accesso a cure adeguate".
Sono i numeri che riguardano il dolore cronico nel nostro Paese e che è al centro dell'iniziativa delle fondazioni Bcc Valle del Trigno e Isal che stamattina a San Salvo hanno presentato il calendario 2016.

"Il calendario (realizzato dall'agenzia Comma) – ha spiegato il presidente della Bcc Valle del Trigno, Nicola Valentini – è solo il primo passo. Ci siamo messi a disposizione dell'Isal, ora per supportarli nell'attività divulgativa e in futuro magari per entrare nel circuito della ricerca".

Una vera e propria patologia poco conosciuta, ma molto diffusa, quella del dolore cronico che riguarda diversi aspetti della società, a partire dalla diagnosi e dalle cure. "È un problema tanto diffuso quanto mal curato – ha sottolineato Gianvincenzo D'Andrea, vicepresidente Isal – Chi ne è colpito non riesce spesso ad avere cure per alleviare la sofferenza, nonostante quanto stabilito dalla legge 38. Lo stesso paziente in tanti casi preferisce un sollievo momentaneo con farmaci Fans (anti infiammatori) che una cura adeguata con oppiacei".

Gianvincenzo D'AndreaProprio il consumo di farmaci oppiacei è una fotografia della situazione attuale: l'Italia è tra gli ultimi posti in Europa, mentre è la prima per consumo di Fans. "Un consumo abnorme – ha continuato D'Andrea – se pensiamo anche che l'uso prolungato dopo una certà età aumenta il rischio di infarti e ictus. I risultati di questo squilibrio, però, sono anche economici: l'inefficacia degli effetti porta a prolungarne l'utilizzo con la lievitazione dei costi sanitari".

La realizzazione del calendario (destinato ai soci Bcc e agli sportelli) è solo un primo progetto per far conoscere l'argomento, ma l'Isal dal 1993 è impegnata su diversi fronti come sulla formazione professionale specialistica. A Sulmona da poco è stata inaugurata la scuola europea di alta formazione in terapia del dolore.
L'attività di divulgazione vuole combattere anche i pregiudizi intorno a questo tema. "Spesso i farmaci oppiacei a basso dosaggio – ha concluso il vicepresidente – non vengono usati per il timore di diventare tossicodipendente. Lo stesso accade nei malati terminali con i parenti che in tanti casi ne vietano l'uso. Per questo bisogna agire sulla società".

IL MEDICO DI FAMIGLIA - "Su questo tema bisogna che ci sia l'impegno anche dei medici di famiglia". È il dott. Antonino D'Ercole a sottolineare un altro aspetto della situazione: "Spesso chi si rivolge ai centri specializzati li vede come l'ultima spiaggia, ma non deve essere così. Ci sono tanti medici di famiglia che si informano sull'argomento, mentre per tanti altri è necessario una maggiore opera di sensibilizzazione".

I PROSSIMI IMPEGNI - Non solo terapia del dolore. La neonata fondazione Bcc Valle del Trigno presto affronterà anche un altro tema importanta, il "Dopo di noi". "Riguarda quelle famiglie con disabili – ha spiegato il presidente Valentini – Nessuno si chiede quale sorte tocchi ai figli una volta che non ci saranno più i genitori. È un tema molto attuale, ma del quale si parla poco".
Un impegno a tutto tondo, come nelle parole del presidente della fondazione Bcc, Nicola D'Alessandro: "La fondazione vuole influire positivamente sul territorio con iniziative su più fronti: sport, cultura, educazione ecc. Pensiamo anche alla sussidarietà della fondazione: vogliamo fare rete con gli altri portatori di idee, perché dall'idea nasce tutto il resto".

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi