CHIUDI [X]
 
Pescara   Ambiente 14/12/2015

"Ombrina, la battaglia unitaria
ha prodotto i frutti sperati"

Lo stop alle trivellazioni petrolifere in mare. Soddisfazione di D’Alfonso e M5S

Manifestazione No Ombrina"Il 9 dicembre scorso, partecipando a un incontro con Assomineraria a Pescara, dissi: 'Dicembre non sarà un mese neutro per l'Abruzzo sul fronte delle trivellazioni petrolifere'. Oggi si capisce più chiaramente a cosa mi riferivo".

Lo ha dichiarato all'Ansa il presidente della Regione Abruzzo, Luciano D'Alfonso, commentando l'emendamento che ripristina le 12 miglia per le perforazioni petrolifere in Adriatico presentato dal Governo alla legge di stabilità.

"Tutto - ricorda D'Alfonso - è partito dall'iniziativa referendaria decisa il 24 luglio a Termoli con i presidenti delle Regioni Marche, Molise, Puglia, Basilicata e Calabria, anch'esse minacciate da progetti di escavazione petrolifera, e dalla comunione d'intenti cristallizzata nella cosiddetta Carta di Termoli, poi approvata all'unanimità dalla Conferenza delle Regioni nella seduta del 20 ottobre. Oggi raccogliamo i frutti di quell'intesa, anche grazie all'attenzione riservataci dal Governo".

Gianluca Vacca, deputato del Movimento 5 Stelle, commenta così: "L'emendamento presentato dalla maggioranza alla legge di stabilità è una buona notizia per gli abruzzesi e per tutti gli italiani. A meno di colpi di scena dell'ultimo minuto, la storia di Ombrina nei prossimi giorni potrebbe considerarsi chiusa. E' l'ennesima dimostrazione che le lotte di territorio e della popolazione non possono restare inascoltate per sempre".

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi

       

      Chiudi
      Chiudi