Tir "smarriti" nell’Alto Vastese, in crisi la Granito Forte di Fresa - L’emergenza viabilità si ripercuote anche sul tessuto produttivo
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Tir "smarriti" nell’Alto Vastese,
in crisi la Granito Forte di Fresa

L’emergenza viabilità si ripercuote anche sul tessuto produttivo

Tre tir bloccati a Lentella"Non ci possiamo permettere di avere in difficoltà l'unica azienda, forse, che sta investendo sul territorio". Nel delirio viario post-maltempo accade anche questo. Segnaletica ambigua, deviazioni che rimandano al punto di partenza stile "Gioco dell'oca" e strade-mulattiere stanno avendo ripercussioni soprattutto sull'imponente traffico di mezzi pesanti in viaggio per le zone industriali del Vastese.
Autoarticolati, camion e tir da venerdì scorso – subito dopo il crollo della Statale 650 [LEGGI] – stanno "invadendo" le strade provinciali disastrate spesso imboccando direzioni errate a causa della scarsa segnaletica alternativa, intasando i piccoli centri abitati di Medio e Alto Vastese. 

Due autobotti sul tratto peggiore della ProvincialeA lanciare l'allarme è Giuseppe Rucci (Cgil) che racconta: "L'azienda della zona artigianale di Fresagrandinaria, la Granito Forte, ha problemi con le commesse e con l'arrivo delle materie prime. Non ce lo possiamo permettere; dà lavoro a circa 200 persone ed è forse l'unica che sta investendo qui. Anche come sindacato, quindi, chiediamo che la strada in uso ora venga sistemata. Non possiamo avere conseguenze sui livelli occupazionali".

Proprio lunedì scorso un tir proveniente dalla Calabria, diretto a Fresagrandinaria, si è ritrovato nel tratto di Provinciale Trignina coinvolto dalla voragine. L'autotrasportatore ha dovuto discutere a lungo con il responsabile dell'ente per poter passare e compiere gli ultimi chilometri che lo separavano dalla meta [LEGGI].

Guarda le foto

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi