Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


23 giugno 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 28/11/2015

Presidio Cobas: "Diciamo no
alla privatizzazione delle Poste"

Distribuito materiale informativo davanti all’ufficio centrale di Vasto

Da sinistra Fabio Troiani, Fabio Cedro e Coralba GiannicoContro la privatizzazione di Poste Italiane scendono in campo i Cobas. Presidio anche a Vasto dove, davanti all'ingresso dell'ufficio postale centrale di via Giulio Cesare, Fabio Troiani dell'esecutivo nazionale, Domenico Ranieri, segretario provinciale della Confederazione Cobas, Fabio Cedro e Coralba Giannico hanno distribuito materiale informativo a lavoratori e utenti. 

“Cerchiamo - ha spiegato Troiani - di difendere i posti di lavoro. I servizi delle Poste sono stati smontati, in primo luogo il recapito, che avverrà a giorni alterni su tutto il territorio nazionale, con l’esclusione delle 9 aree metropolitane, dove rimarrà giornaliero. Si rischia la perdita di 6-7mila posti di lavoro, coperti in gran parte con i prepensionamenti, col rischio di creare un nuovo problema esodati. Ma il pericolo riguarda anche i più giovani, assunti con rapporti di lavoro precari. Con la privatizzazione, l’azienda diventa sostanzialmente una banca: gli investitori si avviano a ridurre i costi di gestione e a puntare sui settori finanziari per massimizzare il profitto, smantellando il servizio di recapito che, al di fuori delle aree metropolitane, verrà affidato a piccoli gestori locali, con un prevedibile peggioramento del servizio. Questo avverrà anche in Abruzzo, regione che, nelle aree interne, ha già subito la chiusura di uffici postali nei piccoli comuni. In tutta Italia ne sono stati tagliati già 6mila nel 2010 e Poste Italiane è intenzionata a sopprimerne molti altri. In questa battaglia ci rivolgiamo agli amministratori locali. Siamo pronti allo sciopero nazionale. Questa è un’azienda in attivo, deve mantenere i posti di lavoro”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi