Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


19 aprile 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Politica 28/11/2015

Infiltrazioni a scuola, critiche
da Smargiassi e Bischia

Consiglieri regionale e comunale commentano i problemi di ieri alla scuola Martella

Infiltrazioni alla scuola 'Martella'"Aver ragione in questi frangenti non è una vittoria, ma una sconfitta per tutti i vastesi. Soprattutto per chi ha pensato prima a difendere il proprio operato che a risolvere la situazione". Lo sostiene il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Pietro Smargiassi, in merito ai problemi di infiltrazioni d'acqua registrati anche nella giornata di ieri presso la scuola "Martella" di Vasto. "I fatti - sottolinea Smargiassi - dimostrano che i rilevamenti effettuati durante il sopralluogo che tenni un mese fa nella scuola di Vasto, oggi, alla prima pioggia, si sono rivelati delle tristi realtà con cui genitori e bambini vastesi hanno dovuto fare i conti questa mattina. Sotto la pioggia mamme e bambini in attesa di conoscere le decisioni dell'amministrazione, perché nessuno sapeva se venisse emessa l’ordinanza di chiusura o meno. Tutti siamo stati in attesa delle autorità competenti, che sono arrivate in ritardo decidendo di chiudere solo il piano interessato dall’allagamento lasciando tutti gli altri entrare regolarmente".

"Premesso che parliamo di una situazione straordinaria di pioggia - aggiunge Smargiassi - rimane il fatto che un mese fa segnalammo la cosa a chi di dovere. L'assessore Masciulli, però, piuttosto che pensare a come risolvere la situazione ha perso due giorni tentando di smorzare i toni della mia attività ispettiva e facendo ironiche battute alla stampa, sottolineando come la denuncia di queste situazioni vengano fatte da trasmissioni tv come Striscia la Notizia e Le Iene. Ma ora, ad un mese di distanza e con la scuola in questo stato, la sua replica suona ancora più stonata, anche ascoltando le mamme che questa mattina sottolineavano che sono ben 3 anni che protestano contro questo stato di cose. Ricordiamo all’assessore che invece di perder tempo sulla stampa avrebbe dovuto pensare a sollecitare la conclusione dei lavori in corso d’opera visto l'avvicinarsi delle piogge invernali".

I secchi utilizzati per raccogliere l'acquaCritiche anche dal consigliere comunale Andrea Bischia: "Incredibile siamo alle solite, c’era un detto che esprimeva un concetto elementare del tipo… prevenire è meglio che curare. Evidentemente questa amministrazione aspetta puntualmente che si verifichino eventi straordinari, che mettono a repentaglio la sicurezza della città nonché dei cittadini, per poter agire e intervenire e magari il più delle volte senza riuscire a risolvere definitivamente il problema". 

"Il mio disappunto - spiega Bischia - nasce dal fatto che queste problematiche potevano essere superate tranquillamente, se fossero intervenuti prima e mi riferisco a qualche anno fa, quando venivano già allora segnalate infiltrazioni a seguito di temporali nelle aule della scuola; poi altre avvisaglie si sono presentate qualche mese fa e il sottoscritto avvertì l’assessore delegato con documentazioni fotografiche di infiltrazioni nelle pareti delle aule dell’ultimo piano. Allora mi chiedo, è una leggerezza? È superficialità? Una mancanza di attenzione da parte di questa amministrazione se oggi ci siamo trovati a far tornare i ragazzini a casa per allagamento delle aule? Un anno fa, due anni fa, quando si sono registrate queste problematiche, loro dove stavano? Perché non sono intervenuti subito dopo la chiusura della scuola? Evidentemente prevenire non è un termine che si addice a questa amministrazione alquanto logora e nebulosa che puntualmente disattende le aspettative dei cittadini".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi