Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 24/11/2015

Sosta selvaggia davanti al pronto
soccorso, problema irrisolto

Il NurSind rilancia l’allarme: "Possibile che non si possa trovare una soluzione?"

Dove passa l'ambulanza?Non è cambiata la situazione davanti al pronto soccorso di Vasto, dove le auto continuano a parcheggiarsi lungo la corsia riservata alle ambulanze. In alcune occasioni l'ambulanza ha avuto perfino difficoltà ad uscire (qui l'articolo), ma anche quando non si arriva al caso limite, il problema si pone in diverse ore della giornata. Tutti i giorni.

Questa volta la testimonianza arriva dal sindacato NurSind, che - con il dirigente provinciale Enrico Del Villano - sottolinea: "Ormai è diventato una consuetudine che l’ambulanza del 118 all’uscita dell’ospedale civile di Vasto debba fermarsi e aspettare minuti, il tempo necessario che le automobili parcheggiate in sosta sulla corsia riservata si spostino, e quindi riprendere la corsa per arrivare in tempo per il soccorso. Minuti che possono risultare determinanti per l’attività dei sanitari chiamati per l’emergenza. Via San Camillo de Lellis a Vasto è una strada piena di autoveicoli di ogni genere, parcheggiate o in sosta, che intralciano i mezzi di soccorso nella loro attività istituzionale. Con la speranza di non doverne riparlare a seguito di qualche episodio dall'epilogo drammatico perché l’ambulanza ha dovuto aspettare che si liberasse la corsia, possibile che non si possa trovare una soluzione definitiva al problema?".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi