Falso aborto clandestino, quattro arresti per concorso in estorsione - Ai domiciliari due uomini e due donne tra Vasto e Termoli
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 07/11/2015

Falso aborto clandestino, quattro
arresti per concorso in estorsione

Ai domiciliari due uomini e due donne tra Vasto e Termoli

Lo avevano prima accusato e poi denunciato per un aborto clandestino che non c'è mai stato. Quattro persone (due uomini e due donne tra Vasto e Termoli) sono finite agli arresti domiciliari per concorso in estorsione nei confronti di un ginecolo abruzzese. 
I fatti - secondo la ricostruzione del Nas di Pescara in collaborazione con le Compagnie dei carabinieri di Vasto e Termoli - risalgono allo scorso anno.

Il ginecologo ricevette nel suo studio la visita di una donna – sostenuta dagli altri tre complici – che richiedeva, anche con metodi aggressivi, una cospicua somma di denaro per non divulgare informazioni (successivamente si è scoperto del tutto infondate) circa un presunto aborto clandestino praticatole dal professionista.
Il medico, scosso per la tipologia della minaccia e la determinazione della donna e dei suoi complici, acconsentì alla richiesta emettendo un assegno di cinquemila euro.

L’attività investigativa del Nas abruzzese, coordinata dalla Procura di Vasto, e sviluppata con la collaborazione della locale stazione dei carabinieri, ha ricostruito la vicenda definendo chiaramente le responsabilità a carico del gruppo criminale che, per incutere ulteriori timori al medico al fine di percepire indebitamente ulteriori somme di denaro, aveva sporto a carico del ginecologo una denuncia per aborto clandestino.

Questa mattina, quindi, sono scattate le misure restrittive per i quattro soggetti indagati a Termoli e Vasto.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi