Ex Golden Lady, i sindacati rompono il "silenzio assordante" - Prosegue la lotta: convocata conferenza stampa per venerdì
Abruzzo Smart Academy - ITS Agroalimentare Teramo CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Gissi   Attualità 04/11/2015

Ex Golden Lady, i sindacati
rompono il "silenzio assordante"

Prosegue la lotta: convocata conferenza stampa per venerdì

Da sinistra Arnaldo Schioppa (Uilcem-Uil), Giuseppe Rucci (Filctem-Cgil) e Franco Zerra (Femca-Cisl)"Silenzio assordante". Così i sindacati chiamano il mutismo in cui si è chiusa la classe politica locale, regionale e nazionale, incapace da anni di trovare una via d'uscita alla crisi profonda in cui continuano a rimanere invischiati i lavoratrori della ex Golden Lady di Gissi.

Una storia di disoccupazione e di abbandono vissuta da oltre 300 persone, la maggior parte delle quali non è riuscita a trovare alcuna alternativa dopo la chiusura dello stabilimento che produceva calze nella zona industriale della Val sinello. Dopo il fallimento del primo (e unico, fino ad ora) tentativo di riconversione, è calato il buio totale sugli operai e sulle loro famiglie. E ora che non rimangono neanche gli ammortizzatori sociali, i sindacati confederali provano a riaccendere i fari su una vertenza di cui, fino ad oggi, non si vede una via d'uscita.

I segretari provinciali di Filctem-Cgil, Femca-Cisl e Uilcem-Uil, Giuseppe Rucci, Franco Zerra e Arnaldo Schioppa, hanno convocato per venerdì, alle 10, una conferenza stampa presso la sede della Cgil di Vasto, in piazza della Concordia. Con l'obiettivo di proseguire nella lotta a difesa della dignità dei lavoratori.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi