"Danni del torrente e discariche, esposto alla magistratura" - Tre associazioni ambientaliste annunciano le vie legali
Scopri di più CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Ambiente 03/11/2015

"Danni del torrente e discariche,
esposto alla magistratura"

Tre associazioni ambientaliste annunciano le vie legali

L'esondazione del torrente Buonanotte"Segnaliamo nuovamente casi di omessa in sicurezza del Torrente Buonanotte, straripato mesi fa a causa delle forti piogge, già noto alle cronache locali e alle autorità nazionali in quanto fortemente inquinato". Annunciano un esposto alla magistratura le associazioni Ambiente Sport e Cultura Onlus, Arci e Fare Ambiente.

"Lo straripamento del torrente ha provocato ingenti danni agli stabili del complesso residenziale Le Nereidi - scrivono in una nota le associazioni ambientaliste - ha creato forti disagi alla viabilità della statale 16, nonché alle spiagge adiacenti".

Ma le iniziali "attività di ripristino" sono state "sospese quasi nell’immediato per ragioni ancora sconosciute che - sostiene Paolo Leonzio, presidente dell'associazione Ambiente Sport e Cultura Onlus - vanno sicuramente a pregiudicare gli interessi dei cittadini, oltre che la salvaguardia del nostro territorio e della nostra salute-sicurezza.

Casi analoghi li rinveniamo anche in altri torrenti presenti sul nostro territorio che vengono lasciati al più totale stato di degrado e abbandono e che spesso interessano anche delle riserve protette la cui gestione e salvaguardia dovrebbe essere al centro delle politiche di intervento degli organi preposti alla loro tutela".

Discariche abusive - "Evidenziamo inoltre - segnala Leonzio - la presenza di discariche presenti sul territorio, nello specifico quella sita in contrada San Lorenzo, all’altezza dello svincolo per Scerni su aree di demanio pubblico e che presenta delle consistenti micro-fratture con il relativo sversamento di percolato che, oltre al danno ambientale, sta provocando l’abbassamento del terreno stesso sul quale si erge un traliccio elettrico che si affaccia sulla A14. Una situazione - afferma Leonzio - che, se non sanata, nell’immediato potrebbe comportare, in caso di forti precipitazioni, gravi pregiudizi e forti rischi per chi attraversa quella zona". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi