Ospiti: Sabrina Bocchino (consigliera regionale Lega), Gianni Cordisco (segretario provinciale Pd), Michele Spadaccini (imprenditore) CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


4 marzo 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 31/10/2015

Sider Vasto: niente vendita,
operai verso la mobilità

Non va a buon fine l’offerta della Rapullino

Notte fonda per gli operai della Sider Vasto

Niente vendita e operai verso la mobilità. È il triste scenario che caratterizza la vicenda Sider Vasto. L'offerta presentata dalla Rapullino, 5 milioni subito e altri 3 dopo la vendita di quattro macchinari presenti nello stabilimento di Punta Penna, non è stata ritenuta sufficiente dal patron della Sider, Franco Testi e dalla curatela della società. La cifra sembrava destinata a convincere il giudice del Tribunale di Vasto, Elio Bongrazio, visto che il tetto del concordato è fissato a 7,7 milioni di euro.

La situazione, però, non è andata nel verso sperato dai 50 lavoratori dello stabilimento vastese e, al termine dei dieci giorni stabiliti dal Prefetto di Chieti, Antonio Corona, che si è interessato dello spinoso caso, la lettera d'intenti del possibile e, al momento, unico acquirente, non ha sortito l'effetto sperato. Al centro del mancato accordo c'è sempre lo slitter, macchinario di precisione che taglia le lamiere, che la Sidervasto ha però già venduto per una somma, a quanto sembra, di poco superiore ai due milioni di euro. Nei mesi scorsi e ancora qualche giorno fa gli operai hanno presidiato i cancelli della fabbrica per evitarne l'uscita. 

Le maestranze dell'azienda nella zona industriale di Punta Penna sono entrati in solidarietà nel 2010 e poi in cassa integrazione. Con il fallimento della trattiva restano appesi ad un filo di speranza affinchè qualcosa accada entro la fine dell'anno, altrimenti per loro scatterà la mobilità, da uno a tre anni, a seconda dell'anzianità di servizio. Michele Villamagna, delegato Cgil di fabbrica, commenta con amarezza: "Ringraziamo il vice presidente della giunta regionale, Giovanni Lolli e il sindaco di Vasto, Luciano Lapenna, che si sono spesi fino all'ultimo. Nessun grazie, invece, alla legge, che non ha creduto nel piano d'acquisto e di rilancio della fabbrica, mandandoci, di fatto, a casa".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi