Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


19 aprile 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Montazzoli   Attualità 22/10/2015

Riparte la frana: Montazzoli senza
acqua potabile da una settimana

Il sindaco Felice Novello: "C’è il rischio di restare completamente a secco"

La frana dell'aprile 2015Da una settimana a Montazzoli l'acqua del rubinetto non può essere usata a fini potabili a causa della ripartenza dell'enorme frana che il 3 aprile scorso si staccò in località Lagonegro-Valloni [l'articolo].
Nella stessa zona c'è la sorgente che rifornisce il paese dell'Alto Vastese e le ultime piogge hanno causato nuovi smottamenti a ridosso del punto di captazione. Dai rubinetti esce acqua marrone a causa del limo finito nelle tubature. Il 15 ottobre scorso, dopo le verifiche della Sasi, il sindaco Felice Novello ha emesso l'ordinanza di divieto.

Ad oggi non c'è stata nessuna revoca, i dipendenti della Sasi stanno ripristinando e pulendo le tubature, ma si tratta di un processo lungo con l'acqua che dovrà decantare nei serbatoi prima di tornare potabile. La situazione però potrebbe peggiorare. Il tratto di strada cancellato dalla frana è stato riaperto dal genio civile, ma non ci sono stati interventi strutturali a monte.  
Il primo cittadino spiega che il rischio è alto: "Abbiamo solo quella sorgente, Montazzoli non è dotata di altri adduttori. Questo significa che nel caso di un evento franoso più esteso la sorgente potrebbe danneggiarsi lasciando il paese completamente a secco".

La strada ripristinataPer il dissesto dell'aprile scorso sono stati stanziati 980mila euro, ma i lavori non sono ancora iniziati e l'inverno è alle porte; una circostanza che preoccupa non poco Novello: "Oggi per quanto riguarda quella potabile i cittadini vanno avanti con l'acqua minerale acquistata nei negozi, ma, se la frana peggiorasse a causa dell'assenza di interventi strutturali, dai rubinetti non uscirebbe niente e a quel punto l'unica soluzione sarebbe il rifornimento con le autobotti. Sarebbe impossibile anche usare i bagni, insomma torneremmo indietro di secoli".

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi