Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


3 agosto 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Liscia   Attualità 16/10/2015

Trenta giorni dopo a Liscia tra
detriti e progetti per il futuro

Il sindaco Di Giacomo: "Un comitato per raccogliere fondi per la pineta"

Il sindaco Di Giacomo nella pineta bruciataA un mese di distanza dalle inarrestabili fiamme di Liscia [l'articolo], nel nero-carbone inizia a far capolino qualche macchia di verde. La vegetazione spontanea sta interrompendo la monotonia cromatica lasciata dal passaggio del fuoco. Si tratta, però, di piantine ed erba; per gli alberi c'è ancora tanto da fare, a partire dalla conta dei danni. 150 gli ettari in fumo.

Ieri siamo tornati nella pineta di colle San Giovanni distrutta dal fuoco insieme al sindaco Donato Di Giacomo che sta portando a termine il lungo elenco dei danni: "La pineta e il ristorante sono i danni maggiori. Il proprietario ha avuto una forza di volontà immensa per riaprire a distanza di un solo mese [l'articolo]. Nella conta però ci sono anche campi coltivati, ulivi ecc. C'è anche una tartufaia di un ragazzo che aveva deciso di fare questo investimento".

La pineta colpita risale al 1952, quando i primi alberi furono piantati sul colle che sovrasta il piccolo centro abitato. Si possono distinguere due parti: una sul punto più alto e una più vicina al paese (dove c'è il ristorante). Quest'ultima lo scorso 17 settembre sembrava dovesse salvarsi. Verso le 14.30, invece, la situazione è peggiorata a causa del vento mettendo a rischio anche alcune abitazioni. La violenza delle fiamme sospinte dalle raffiche ha "cristallizzato" gli scheletri degli alberi che ora appaiono piegati da un vento eterno.
La volontà è quella di ripiantare gli alberi almeno nella zona vicino al paese. Allo scopo è nato un comitato che aprirà un conto corrente per raccogliere fondi. Prima di tornare ad ammirare il bosco passeranno ancora tanti anni.
Degli altri alberi carbonizzati si deciderà prossimamente il futuro; la vicenda ha anche risvolti sulla sicurezza del luogo. Con le radici ormai bruciate, gli alberi potrebbero cadere sulla strada sotto l'azione delle intemperie. 

Di Giacomo lavora a Guilmi, quotidianamente attraversa la pineta e per lui ogni mattina è un colpo al cuore: "Dopo un mese non mi riprendo ancora dallo shock di quel giorno. A passare qui mi piange il cuore". Un piccolo sollievo è dato dalla solidarietà degli altri Comuni: "È stata enorme. I colleghi sindaci si sono messi a disposizione per qualsiasi necessità. Li ringrazio profondamente".

Per il giovane primo cittadino di Liscia l'incendio di un mese fa rappresenta un evento drammatico che marchierà indelebilmente il suo primo anno e mezzo da sindaco (oltre alla storia di tutta la comunità). Non fa fatica ad ammetterlo, ma conclude con una promessa: "Sicuramente lo ricorderò per sempre. Nel primo anno del mandato un evento simile ti segna, ma ora io sono il sindaco di questo piccolo paese e farò tutto quello che posso".

Guarda il video Guarda le foto

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti


Video - La pineta di Liscia un mese dopo le fiamme

Nella pineta di Liscia con il sindaco Donato Di Giacomo a 30 giorni dal devastante incendio.

Immagini e montaggio di Giuseppe Ritucci



 

 
 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi