"Mi hanno aggredito e rubato la macchina", giallo a Fresa - Brutta avventura per un sansalvese, ma il racconto non è chiaro
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


13 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Fresagrandinaria   Cronaca 02/10/2015

"Mi hanno aggredito e rubato la
macchina", giallo a Fresa

Brutta avventura per un sansalvese, ma il racconto non è chiaro

La caserma dei carabinieri di FresagrandinariaGiallo sulle strade del Medio Vastese. Ieri sera dopo le 20, un giovane di San Salvo se l'è vista brutta mentre raggiungeva il centro abitato di Fresagrandinaria. In viaggio sulla strada comunale che collega la Statale Trignina al paese, si è imbattuto in una persona in difficoltà in mezzo alla carreggiata (pare fosse disteso a terra) che chiedeva aiuto. L'automobilista si è così fermato per prestare soccorso, ma l'uomo che sembrava avesse bisogno di una mano avrebbe estratto un coltello minacciandolo. Nello stesso tempo, un complice sarebbe uscito da un nascondiglio aggredendolo.

Una volta neutralizzato il giovane, i due sono saliti a bordo del veicolo - una Subaru - facendo perdere le proprie tracce. Al malcapitato non è rimasto altro che raggiungere la locale caserma dei carabinieri per la denuncia; le forze dell'ordine hanno poi chiamato il 118.
Sul caso lavorano i militari coordinati dal maggiore Giancarlo Vitiello. La situazione è delicata e sulla storia aleggia il "condizionale". Sarebbero infatti diverse le zone d'ombra e le incongruenze nel racconto fornito agli inquirenti.
Debito da saldare o vittima casuale di balordi in giro per il Vastese? Ogni pista resta aperta, nei prossimi giorni potrebbero esserci sviluppi.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi