Poste, niente da fare: da oggi aperture ridotte in 9 comuni - Chiuso, inoltre, l’ufficio di San Giacomo a Scerni
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


21 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Torrebruna   Attualità 07/09/2015

Poste, niente da fare: da oggi
aperture ridotte in 9 comuni

Chiuso, inoltre, l’ufficio di San Giacomo a Scerni

L'ufficio postale di CarunchioNiente da fare. Gli appelli dei parlamentari abruzzesi, le assemblee dei sindaci e le richieste del presidente dell'Anci Abruzzo Luciano Lapenna non hanno convinto Poste Italiane. Il piano di razionalizzazione è scattato ugualmente.

Da oggi a Carpineto Sinello, Carunchio, Celenza sul Trigno, Lentella, Liscia, Torrebruna, Palmoli, Schiavi d’Abruzzo e Roccaspinalveti l'ufficio postale aprirà a giorni alterni (martedì, giovedì e sabato). A Scerni, invece, quello di San Giacomo non riaprirà più, chiuso per sempre.

Il piano dei tagli era stato annunciato nei mesi scorsi, per essere applicato a partire dal 13 aprile 2015. Da quel momento era partita la mobilitazione dei Comuni interessati e di vari esponenti politici della zona. Lapenna a marzo, poi, annunciò lo slittamento della "dead-line". Lo stop vero e proprio al piano, però, non è mai arrivato

La razionalizzazione, ovviamente, tiene conto del numero massimo di chilometri per l'ufficio aperto più vicino. L'aspetto ignorato è la condizione delle strade del Vastese che allunga i tempi di percorrenza e aumenta i rischi per spedire anche una semplice raccomandata. 
Altro aspetto di non poco conto è quello dell'età media dei centri abitati interessati dal piano. La presenza di over 70 (escluso Lentella, dove si attesta al 15%) supera il 20% della popolazione in tutti i comuni, raggiungendo il 31% a Torrebruna e ben il 51% a Schiavi d'Abruzzo.

Resta il timore che la razionalizzazione possa essere solo un primo passo verso la chiusura definitiva.

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi