Il grazie della comunità di Gissi al luogotenente Luigi Lacerenza - Da oggi in pensione il comandante della stazione dei carabinieri
CHIUDI [X]
 
Gissi   Personaggi 31/08/2015

Il grazie della comunità di Gissi
al luogotenente Luigi Lacerenza

Da oggi in pensione il comandante della stazione dei carabinieri

Novembre 2011 - Lacerenza accanto al capitano Loschiavo

Il luogotenente Luigi Lacerenza, comandante della stazione dei carabinieri di Gissi, comprendente anche le zone di Carpineto Sinello e Guilmi, da oggi è in pensione. "Divenuto carabiniere nel 1978 - ricorda Maria Luigia Lapenna -, alla vigilia del suo congedo il maresciallo Lacerenza può vantare molteplici successi nel corso della sua carriera dedicata all’Arma, a partire da quando prestava servizio in Val di Susa, dove ha contribuito alla lotta al terrorismo effettuando numerosi arresti di esponenti delle Brigate Rosse".

Il suo arrivo a Gissi è datato luglio 1988. Da allora, "è divenuto rapidamente punto di riferimento della cittadinanza e dell’On. Remo Gaspari, grazie alla sua disponibilità e alla sua capacità di relazionarsi con le persone. Con la sua esperienza e la sua dedizione, nel 1992 Lacerenza è arrivato a ricoprire il grado di Maresciallo, rendendosi protagonista nel tempo di numerosi interventi anticrimine, in particolare quelli inerenti il traffico e lo spaccio di stupefacenti. Ricordiamo infatti l’attiva partecipazione delle recenti operazioni Conventus, Tramonto e Adriatico, di più ampia risonanza, che hanno portato all’arresto e alla condanna di diversi pregiudicati".

Estate 2013 - Momenti di tensione alla ex Golden LadyDa non dimenticare la sua preziosa presenza, insieme agli uomini della stazione e agli altri rappresentanti delle forze dell'ordine, durante le azioni di protesta delle fabbriche della Val Sinello, in questi anni colpita da una profonda crisi. Emblematico quanto avvenne due estati fa, durante i presidi a oltranza dei lavoratori della ex Golden Lady, con la forte tensione legata alla vicenda Silda (con le tentate incursioni notturne dei camion dell'azienda). Il maresciallo Lacerenza dimostrò grande spirito di servizio e forte vicinanza umana a chi stava vivendo ore drammatiche [ARTICOLO1 - ARTICOLO2 - ARTICOLO3].

"Non solo i cittadini hanno riconosciuto l’importanza del suo operato, ma anche il prefetto di Chieti, che gli ha consegnato l’onorificenza di Cavaliere della Repubblica. Un ringraziamento sentito - conclude Maria Luigia Lapenna - da parte di tutta la collettività per l’eccellente servizio svolto in questi anni di permanenza nel territorio gissano.

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi