Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


18 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 12/08/2015

Per 30 studenti del ’Mattei’
un mese di tirocinio in Irlanda

La scuola vastese partecipa a due progetti con docenti e ragazzi

Un gruppo di studenti e docenti coinvolti

A fine mese 30 studenti delle classi terze e quarte dell'IIS Mattei di Vasto partiranno per trascorrere un mese di studio e stage in Irlanda. Un'esperienza resta possibile grazie al progetto Archimde, presentato dalla scuola in collaborazione con Akon service (partner coordinatore) e con i partners transnazionali. Anche i docenti della scuola vivranno l'esperienza di formazione all'estero, grazie al progetto T.e.t.i. per l'annualità 2015. La scuola vastese è l'unica in Abruzzo a gestire due progetti di Mobilità per la formazione dei propri studenti e docenti in Europa con il finanziamento delle Agenzie Nazionali Erasmus plus ISFOL (per l’istruzione e la formazione professionale) ed INDIRE (per l’Istruzione scolastica). Ieri mattina c'è stato l'ultimo incontro con gli studenti che a fine mese partiranno per Cork, in Irlanda, dove saranno impegnati in un mese di lezioni e tirocinio formativo della durata di 1 mese, presso imprese che operano negli specifici settori di loro interesse. "Questa occasione unica di apprendimento on the job consentirà ai giovani partecipanti di accrescere le competenze trasversali (lingua straniera, autonomia, intraprendenza, flessibilità) e potenziare le loro qualità professionali. Per rendere possibile tale esperienza è stato coinvolto un partner intermediario irlandese con una rete di aziende ospitanti che operano in settori produttivi con spiccata tendenza all’innovazione tecnologica e all’internazionalizzazione". 

Positiva anche l'esperienza per i docenti. Nel corso del 2015, 8 insegnanti dell’Istituto, così come altri 1.750 docenti di scuole primarie e secondarie italiane, usciranno dalle classi e varcheranno i confini nazionali alla volta dell’Irlanda, del Regno Unito e dell’Islanda per partecipare a corsi di formazione e fare un'esperienza per migliorare la qualità dell'insegnamento e dell'apprendimento. Centrali per i docenti saranno il potenziamento dell’uso dell’Information Technology nell’insegnamento di tutte le materie e le esperienze di job shadowing, ossia lo scambio di esperienze professionali/buone pratiche sul campo per osservare come in altre scuole europee vengono insegnate le varie materie. Due docenti del Mattei hanno già partecipato ad un corso a Limerick in Irlanda, definendo l’esperienza unica nel suo genere per la combinazione di attività laboratoriali/pratiche e di attività sociali a contatto con la cultura e la gente del posto. I docenti formati potranno applicare quanto appreso già dal prossimo anno scolastico: insegnare cioè in una lingua straniera una disciplina non linguistica, in linea con quanto previsto nella Riforma della Scuola Secondaria di secondo grado.

Non può essere che soddisfatto il dirigente scolastico Rocco Ciafarone. “Abbiamo scelto di investire su una scuola aperta che punta alla dimensione europea per la formazione transnazionale dei suoi docenti e studenti. Le sfide che si troveranno a fronteggiare i nostri studenti nel momento in cui faranno ingresso nel Mondo del Lavoro saranno sempre più complesse e richiedono l’offerta di una vasta gamma di opportunità formative e un aggiornamento continuo del corpo docente. Grazie al programma europeo Erasmus Plus e alla professionalità dell’Akon Service di San Salvo, che ci ha accompagnato nella presentazione e nella gestione delle proposte progettuali, è stato possibile accedere a due linee di finanziamento del programma nato a gennaio del 2014, di durata settennale e finanziato dall'Unione europea con 14,7 miliardi in 33 Paesi".

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi