Carenza idrica, l’ordinanza: acqua disponibile solo per usi domestici - Vasto, divieto di utilizzarla per fini diversi dal bere, lavare e cucinare
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 18/07/2015

Carenza idrica, l’ordinanza: acqua
disponibile solo per usi domestici

Vasto, divieto di utilizzarla per fini diversi dal bere, lavare e cucinare

VastoIl caldo torrido che aggrava l'annosa carenza idrica induce il Comune di Vasto a rispolverare il divieto già imposto alcuni anni fa: da oggi l'acqua potabile si può utilizzare solo per bere, lavarsi, cucinare e pulire la casa, oltre alle ordinarie attività produttive. Per tutti gli altri utilizzi è vietato attingere dal flusso idrico proveniente dall'acquedotto.

Lo impone l'ordinanza numero 314 del 2015, emanata dal sindaco facente funzioni, Vincenzo Sputore: "E' fatto divieto, salvo espressa revoca, a tutti i cittadini di utilizzare l'acqua potabile proveniente dal pubblico acquedotto per fini extradomestici, in particolare per l'innaffiamento orti e giardini privati; il lavaggio di autovetture, automezzi e simili; di piazzali e di spazi di aree private; il riempimento di invasi, di vasche e piscine private; l'irrigazione di campi e, comunque, per ogni altro utilizzo improprio e diverso dalle normali necessità domestiche e produttive".

Il provvedimento, firmato ieri da Sputore, si è reso necessario per "evitare possibili situazioni di emergenza", visto che "nella stagione estiva tendono a ripresentarsi i problemi relativi a eventuali disservizi nell'erogazione dell'acqua potabile per usi domestici" e considerato che "l'eccessivo consumo di acqua potabile diverso dall'uso strettamente domestico potrebbe non garantire la fornitura di acqua potabile per gli usi civili".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi