Gli oratori salesiani di Abruzzo e Marche in festa a Macerata - Tanti i ragazzi partiti anche da Vasto
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


24 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Eventi 27/06/2015

Gli oratori salesiani di Abruzzo
e Marche in festa a Macerata

Tanti i ragazzi partiti anche da Vasto

I ragazzi in piazza della LibertàGiornata intensa; cuore pieno. Un 25 Giugno speciale a Macerata. La città si è accesa per l’energia delle 800 anime giovani delle Estate Ragazzi salesiane delle Marche e dell’Abruzzo. L’Estate Ragazzi, non è solo un Centro Estivo, è qualcosa di diverso: punta a mettere gli adolescenti a servizio dei ragazzi e dei bambini, aiuta gli adulti a stare con i giovani, avvicina i lontani per renderli vicini: tutti insieme per costruire un clima familiare, divertente e profondo nel nome del dono reciproco. E ieri Macerata se n’è accorta! Tanto rumore, tanta confusione, si… ma quanta gioia.

La giornata di festa è iniziata alle ore 9.00: arrivi da Civitanova, Ancona, Porto Recanati, Sulmona e Vasto. Fatti due conti, 550 ospiti più i 230 di Macerata. Una Festa insieme nel nome del Bicentenario della nascita di don Bosco (1815-2015). L’accoglienza nella Casa Salesiana, in viale don Bosco, ha preparato tutti all’invasione pacifica della città verso la presa di Piazza della Libertà. Un arcobaleno di colori a ritmo di musica ha trascinato anche numerosi incuriositi cittadini. La sorpresa ha funzionato. Nelle case c’è chi ha iniziato a ballare dopo essersi affacciato e negli uffici si sono interrotte le normali riunioni di lavoro. Anche il sindaco, Romano Carancini, è stato risucchiato dalla corrente, improvvisando un cordiale saluto e un ringraziamento a nome della città ai salesiani per il bene che fanno per tanti giovani attraverso queste bellissime iniziative. “Non ho mai visto una piazza così colorata di così belle maglie” ha confessato – emozionato - prima di assistere al carosello di mezzogiorno dell’orologio planetario. Dopo i rintocchi di mezzodì, i giovani hanno raggiunto la Cattedrale, preceduti dal pulmino musicale attrezzato per condurre a ritmo di musica. 

Il Vescovo Nazzareno è stato contento di accogliere il corteo sul sagrato della Cattedrale. Fatti gli onori di casa si è reso disponibile a rispondere alle domande degli “ospiti” . Quello che rimarrà impresso a ciascuno dei presenti è aver visto il Vescovo sdraiato a terra per far capire che don Bosco non vorrebbe mai che un giovane vivesse da “sdraiato” e nemmeno da “seduto” ma in piedi per camminare insieme agli altri e con Dio”. Questa frase è stata subito condivisa sui vari social legati agli ambienti salesiani che sono stati i veri amplificatori dell’evento, portando il clima di festa in ogni ambiente di provenienza. Intonando un canto a Don Bosco il gruppo è tornato in Viale Don Bosco passando per uno dei corsi più importanti della città, Corso Cairoli: ancora facce MOLTO meravigliate che applaudivano sorridenti a questo inconsueto spettacolo; il grido “Si vede, si sente, Don Bosco è qui presente”, che in numerose piazze del Paese è spesso intonato, ha lasciato il segno anche a Macerata.

Dopo il momento del pranzo in Oratorio, un lungo pomeriggio di sfide e giochi che si è poi concluso con il saluto finale di Don Daniele Merlini, incaricato salesiano per il Centro Italia della Pastorale Giovanile, che ha esortato i ragazzi a non lasciare mai da parte la gioia che caratterizza ogni ragazzo di don Bosco che deve essere contagiosa per i propri amici. Se è vero che le gioie sono tanto desiderate quanto rare valga per tutti l’augurio più consueto: migliaia di questi giorni per ciascuno di noi, in attesa del Paradiso perpetuo.

Oratorio Salesiano Macerata

Guarda le foto

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi