Timeout - Vasto, il confronto tra candidati sindaci Ospiti: Dina Nirvana Carinci, Anna Rita Carugno, Guido Giangiacomo, Francesco Menna, Alessandra Notaro, Angela Pennetta Paola Cerella - Giornalista CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


17 settembre 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 19/06/2015

Lettera aperta a Paolucci:
"Asl 02 in codice rosso"

La lettera dei rappresentanti sindacali del Vastese della sanità

Il San Pio di VastoNicola Malatesta, delegato sindacale sanità Lanciano/Vasto della Cisl Fp, ed Enrico Del Villano, delegato sindacale del Nursind, hanno inviato una lettera all'assessore regionale Silvio Paolucci. "Ieri mattina - spiega Malatesta - avevamo la Convocazione dall'Assessore presso la Direzione Generale della ASL 02 Abruzzo a Chieti, ma per impegni improvvisi l'Assessore ha rinviato di una settimana la stessa a giovedì 25. Ieri avremmo consegnato e commentato la suddetta lettera ma, a seguito del rinvio, riteniamo che le condizioni della Sanità del nostro Territorio non ci permettano più di poter aspettare".

Questo il testo integrale della lettera. 
"Asl 02 - Questo territorio è in codice rosso"

A -
Si chiede una risposta immediata all'emergenza (falsa* ) del mancato piano delle ferie estive per il personale infermieristico e assistenziale, che per mesi e mesi si è sobbarcato il problema della carenza di personale, rinunciando a smonti, riposi, ferie e facendo anche turni aggiuntivi, pur di venire incontro alle esigenze del SAPS  di assicurare  alla meno peggio" l'assistenza nei vari Reparti Ospedalieri.

 1 - *Falsa emergenza, poiché si sa già che esattamente fra 12 mesi, ci troveremo con le nuove ferie estive a dover gestire la stessa situazione "emergenziale", così come è già successo negli anni scorsi.
2 - per la "carenza" di varie figure professionali ( infermieri, O.S.S., O.T.A., ausiliari, TSLB, ecc...) invece di ricorrere agli incarichi immediati attraverso Cooperative, perchè non ricorrere ad assunzioni a tempo determinato con contratti Part-Time solo per i mesi estivi e con orari e turni di lavoro ben specificati secondo le varie necessità delle U.O. così come si fa' normalmente in altre parti d'Italia.  Inoltre tale procedura, ovviamente avviata per tempo, permetterebbe anche una elezione seria dei partecipanti che assicurerebbe e migliorerebbe la qualità dei "prestatori 'opera".
3 - la nostra ASL (ovviamente chi ne è a capo e deputato a dirigerla ma quali DIRIGENTI?), non si è mai preoccupata di programmare un piano ferie né tantomeno attivare tali procedure. Meglio appaltare attraverso Cooperativa?

B - Si chiede una risposta chiara su cosa ne sarà della Struttura Ospedaliera di Atessa e possibilmente di tante altre lasciate "in coma" ormai irreversibile come Casoli, Guardiagrele, Gissi e forse anche Ortona.

1- in questo caso, il personale proveniente da queste realtà deve essere ricollocato, in modo chiaro e inequivocabile, con procedure trasparenti e criteri oggettivi, presso gli Ospedali di riferimento più vicini e senza potersi "reinventare" un Ambulatorio o un Ufficio "fantasma" che ne giustifichi ancora la presenza negli Ospedali chiusi.

C - Prevedere un minimo di programmazione sanitaria almeno da qui a tre/quattro anni (prossimo voto regionale) e non "tirare a campare"... ossia:
1 - pensando ai recenti lavori per le nuove sale operatorie dell'Ospedale di Atessa e la chiusura delle attività chirurgiche, uniche che ne potevano giustificare l'esistenza.
2 - attivazione di 20 posti letto di Lungodegenza da affiancare alla U.O. Medicina di Vasto, che da più di 1 anno viene rinviato per mancanza di personale.
3 - attivazione del Centro Trasfusionale Aziendale e del Centro Regionale Sangue a Ortona, senza avere nulla di realizzato, né in opere murarie, né nella "messa in rete" del sistema informatico aziendale.
4 - realizzazione dell'Area Territoriale, ma nel frattempo nei Distretti già esistenti si assiste ad un tragico calo di prestazioni e assistenza. Altro che potenziare il territorio per sostituire gli ospedali.
5 - attivazione di 2 Hospice Oncologici (Lanciano e Torrevecchia Teatina)... necessari certamente, ma se a Torrevecchia ci ospitano 4/5 pazienti con una ventina di dipendenti addetti... forse bastava seguirli a Lanciano.
6 - che fine ha fatto la previsione dell'Emodinamica a Vasto, se la U.O. Cardiologia-UTIC  di Vasto sta incrementando i trasferimenti?
7 - ultimo, ma primo in ordine d'importanza: la mancanza di un piano e di una rete per l'Emergenza/Urgenza e 118 che da anni si sbandiera a destra e manca ma... ancora manca! E nel frattempo la gente muore in attesa dell'eli-soccorso poiché non sa che non si può sentir male dopo le 16 (x il buio) e che non deve essere brutto tempo altrimenti l'elicottero non si alza in volo.(vallo a spiegare al paziente per esempio di Castiglione MM !)

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Annunci di Lavoro

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi