Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


13 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Ambiente 13/06/2015

Altre due tartarughe morte
trovate sulla costa vastese

Un esemplare si è spiaggiato a Vasto Marina, l’altro in località Canale

La tartaruga ritrovata oggi a Vasto MarinaUna tartaruga morta è stata avvistata oggi pomeriggio da alcuni bagnanti dinanzi alla spiaggia di Vasto. Il ritrovamento è avvenuto nella parte meridionale della riviera, davanti alla Riserva naturale Dune di Vasto Marina. La carcassa è stata portata a riva e sul posto è intervenuto il medico del servizio veterinario della Asl che ha verificato come si trattasse di un esemplare femmina di circa una trentina d'anni, morta da diversi giorni. Dopo il via libero del medico la tartaruga è stata portata via dagli uomini del gruppo comunale di protezione civile.

Sempre nel pomeriggio un'altra tartaruga morta è stata trovata sulla costa vastese, questa volta in località Canale. Si sono quindi ripetute le procedure del caso con la rimozione anche di questa seconda carcassa.

Con i due esemplari salgono a 5 le tartarughe ritrovate morte sulla costa sud dell'Abruzzo nel giro di pochi giorni. E con il dispiacere da parte dei cittadini nell'osservare questi animali senza vista crescono anche gli interrogativi. "Ho inviato le foto delle tartarughe morte anche al consigliere regionale Pietro Smargiassi - scrive Stefano Moretti che ci ha inviato le immagini -, chiedendogli di pretendere che venga accertato perchè queste tartarughe sono morte in un così breve lasso di tempo".

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi