Celenza, la forestale sequestra tre terreni: cinque denunce - Contestata la gestione illecita di rifiuti speciali
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


29 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Celenza sul Trigno   Cronaca 03/06/2015

Celenza, la forestale sequestra
tre terreni: cinque denunce

Contestata la gestione illecita di rifiuti speciali

Gli agenti della forestale sul sito sequestratoGli agenti del Comando Stazione Forestale di Gissi hanno individuato i responsabili di un’illecita gestione di circa 635 metri cubi di terre e rocce da scavo, equivalenti al carico di 60 camion, prelevate dal sito di sbancamento nell’area urbana di Celenza sul Trigno, per essere abusivamente scaricate in tre distinti siti di destinazione all’interno del territorio dello stesso Comune. 

A seguito di una segnalazione al numero di emergenza ambientale 1515 del Corpo Forestale dello Stato, il personale di Gissi ha verificato il mancato rispetto dei criteri previsti in tema di riutilizzo delle terre e rocce da scavo: il materiale non è stato preliminarmente sottoposto a caratterizzazione e non è stata presentata dalla ditta produttrice alla competente Arta (Agenzia Regionale per la Tutela dell'Ambiente) la necessaria dichiarazione relativa al sito di destinazione dei materiali. Inoltre gli agenti hanno verificato che, diversamente da quanto nei fatti avvenuto, nel progetto edilizio da cui sono scaturiti i materiali di scavo era stato programmato il totale recupero in situ delle terre e rocce.

I tre siti di smaltimento sono perciò stati sottoposti a sequestro preventivo, convalidato dal Gip del Tribunale di Vasto, per evitare che le conseguenze del reato fossero aggravate o protratte ovvero che fossero commessi altri reati. Sono stati deferiti alla competente autorità giudiziaria, in concorso tra loro, il titolare della ditta esecutrice, il proprietario del sito di sbancamento ed i tre proprietari e/o possessori dei siti di destinazione dei materiali da scavo, i quali dovranno rispondere del reato di illecita gestione di rifiuti.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi