Vasto   Politica 31/05/2015

Paolucci: "Nessuna modifica, sei
nuovi ospedali saranno realizzati"

L’assessore alla Programmazione sanitaria risponde agli attacchi del centrodestra

Silvio Paolucci"È stata condotta un’operazione di bassissimo rango tesa a fare confusione, falsificando la realtà contenuta in atti e documenti della Regione, perché nemmeno un centesimo è stato distolto in favore del nuovo presidio di Chieti". Così l'assessore regionale alla Programmazione sanitaria, Silvio Paolucci, ha replicato agli attacchi del centrodestra, tra cui anche quello vastese (qui l'articolo), che hanno accusato il governo regionale di aver abbandonato il progetto del nuovo ospedale di Vasto a favore di quello di Chieti.

"Esistono fonti di finanziamento differenti e ben distinte, che strumentalmente sono state mescolate, - ha spiegato Paolucci - ma per fare chiarezza dobbiamo rimetterle in fila: ci sono i fondi dell’articolo 20 della legge 67/1988 sull’edilizia sanitaria, i fondi Inail, e poi quelli derivanti dai saldi positivi degli ultimi quattro anni del Fondo sanitario regionale, cui vanno ad aggiungersi anche quelli del saldo 2015. Rispetto all’articolo 20, nulla è stato modificato dell’Accordo di programma sottoscritto con il Ministero, un documento che scaturisce a conclusione di un iter complesso, durato anni, che non si cancella con la scolorina, né si possono cambiare le carte in tavola con un colpo di mano. Non esiste nessun atto della Regione che vada a modificare quei contenuti, pertanto restano i 228 milioni di euro destinati alla realizzazione dei nuovi ospedali di Lanciano, Vasto, Giulianova, Penne, Avezzano e Sulmona, che nella programmazione regionale continueranno a esistere per svolgere la propria funzione per i pazienti acuti. L’entità di queste risorse, poi, sale fino a 371 milioni con l’aggiunta di fondi regionali".

Per quanto riguarda Chieti, invece, "nel dispositivo della delibera di Giunta - ha aggiunto Paolucci - abbiamo fatto una dichiarazione di pubblico interesse, che rappresenta la condizione preliminare per attivare il project financing, che nulla c’entra con l’articolo 20, e seguirà un percorso totalmente differente. Inoltre, proprio ieri abbiamo portato a termine la determinazione dello storno di vecchi flussi finanziari distolti dalla sanità e che ora tornano alla destinazione originaria, che libera, a partire da giugno, 90 milioni di euro, una somma ingente, metà della quale sarà destinata alla medicina del territorio. Sul tema dei fondi per la sanità, dunque, è necessario ristabilire la verità, l’unica possibile, che è quella dei fatti. Tutto il resto è atto di pirateria, è mistificazione, che racconta una realtà che non esiste e produce solo confusione nell’opinione pubblica".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi