"Siete in grado di fare un nome che abbia più peso di Desiati?" - Elezioni 2016: i papabili - D’Alessandro sostiene il leader di PpV
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


18 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Politica 25/05/2015

"Siete in grado di fare un nome
che abbia più peso di Desiati?"

Elezioni 2016: i papabili - D’Alessandro sostiene il leader di PpV

Davide D'Alessandro (Vasto 2016)"Chi dice che Massimo Desiati si sia autocandidato a sindaco non dice il vero. Desiati è uno dei possibili candidati, come lo sono io, come lo è Sigismondi, come lo sono altri". Lo afferma Davide D'Alessandro, consigliere comunale di Vasto 2016.

Desiati candidato sindaco "non lo è perché ex di qualcosa, ma - sostiene D'Alessandro - perché impegnato in questi anni sulla fatica quotidiana del concetto, in una opposizione dura e pura ad un'amministrazione sciagurata, in uno studio meticoloso delle sudate carte, in un ascolto continuo delle lamentele dei cittadini senza potere purtroppo, non avendo la guida delle operazioni, assumere decisioni risolutive. Di grazia, siete in grado di fare un nome che abbia maggior peso e credibilità per vincere la dura battaglia del 2016? Quando nel 2006 Peppino Tagliente lanciò la propria candidatura alla guida di un Comitato Civico con tanti mesi d'anticipo, in una fase di indistinzione, litigiosità e confusione del centrodestra, fece benissimo e i voti del primo turno (29 percento a 10) dimostrarono che era lui il miglior candidato e non Giangiacomo, che divise lo schieramento consentendo la vittoria di Lapenna.

Il problema è se si vuole ostacolare e impedire la candidatura vincente di Desiati o se si vuole contribuire ad irrobustirla, allargando l'alleanza a tutti coloro che vogliono collocare a riposo l'attuale amministrazione. Non vogliamo imporre Desiati né Desiati si permette di imporre alcunché. Diciamo ai partiti, alle liste civiche, ai consiglieri, alle associazioni, alle categorie che vogliono voltare pagina, di ragionare insieme su questa candidatura e sull'idea di città che abbiamo in mente. Vogliamo unire, non dividere". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi