CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


17 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Eventi 16/05/2015

San Nicola, dopo tanti anni
è tornata la processione in mare

La statua del Santo imbarcata sul ’Nicolino Natarelli’

L'imbarco della statuaDopo tanti anni è tornata la processione in mare per la festa di San Nicola. Una tradizione antica che ha visto la partecipazione dei fedeli legati al tradizionale pellegrinaggio a piedi da Vasto a Bari. La giornata è stata anche l'occasione per l'inaugurazione ufficiale del "nuovo" belvedere. I lavori voluti dall'amministrazione comunale hanno ridato decoro ad uno dei punti panoramici più suggestivi della città. Anche don Stellerino D'Anniballe, nell'impartire la benedizione, ha invitato tutti a "conservare in maniera decorosa questo luogo, sia il belvedere che la chiesa, senza più imbrattarla con brutte scritte come è avvenuto in passato". Poi il taglio del nastro, per mano della figlia dell'ingegner Giammichele, dell'ufficio lavori pubblici del comune di Vasto e il messaggio del sindaco Lapenna.

La statua è stata poi accompagnata al porto di Punta Penna, dove è stata imbarcata sul motopeschereccio Nicolino Natarelli. Diverse barche sono uscite in mare con la vigilanza della motovedetta della Guardia Costiera e del comandante Giuliano D'Urso. Non c'è stato lo sbarco a Vasto Marina, come previsto nel programma, ma la statua è tornata a Punta Penna e da lì è stata portata in città per raggiungere la chiesa di Sant'Antonio, dove resterà fino a domani mattina quando, con un'altra processione, verrà riportata nella sua chiesetta.

Guarda il video Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi