Stoccavano abusivamente rifiuti speciali: due denunciati - Gli scarti del rifacimento della fondovalle Treste depositati nei campi
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


21 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

San Buono   Ambiente 15/05/2015

Stoccavano abusivamente
rifiuti speciali: due denunciati

Gli scarti del rifacimento della fondovalle Treste depositati nei campi

San Buono. Il terreno sequestratoIllecita gestione di rifiuti. E' l'accusa di cui dovranno rispondere un imprenditore e il titolare di un terreno agricolo in cui, a San Buono, erano abusivamente depositati rifiuti speciali, tra cui terra di riporto, rocce da scavo, frammenti di asfalto e cemento

La ricostruzione dei fatti - "Dopo accurate indagini, gli uomini del Comando Stazione del Corpo Forestale dello Stato di Gissi hanno individuato i responsabili di uno stoccaggio abusivo di rifiuti speciali: 87 cumuli di terre e rocce da scavo, circa 1200 metri cubi, miste a pezzi di asfalto, frammenti di cemento e parti di ceppaie di piante estirpate, provenienti dai lavori di sistemazione ed adeguamento della strada provinciale 184 Fondovalle Treste, erano abusivamente depositati in località Sodere del Comune di San Buono, all’interno di un sito in cui è in progetto la realizzazione di un impianto a biomasse", spiega Livia Mattei, comandante provinciale della forestale.

"Gli agenti hanno riscontrato il mancato rispetto dei requisiti normativi previsti per il riutilizzo delle terre e rocce da scavo: il sito di destinazione dei materiali non era stato preventivamente dichiarato dalla ditta produttrice alla competente Arta. (Agenzia Regionale per la Tutela dell'Ambiente) e le terre e rocce da scavo depositate contenevano materiali estranei, quali pezzi di asfalto, frammenti di cemento e legname, non sottoposti a caratterizzazione. Inoltre, non sussistevano i presupposti per qualificare i materiali quali sottoprodotti, come tali destinati ad essere riutilizzati: non vi era certezza, infatti, che le terre e rocce sarebbero servite per la realizzazione dell’impianto a biomasse, il cui progetto peraltro non risulta ancora autorizzato.

L’area di stoccaggio dei rifiuti è stata sottoposta a sequestro preventivo, convalidato dal gip del Tribunale di Vasto, per evitare che le conseguenze del reato potessero essere aggravate o protratte ovvero che venissero commessi altri reati.

Sono stati deferiti alla competente Autorità giudiziaria il titolare di una impresa di costruzione-demolizione stradale ed il proprietario dei terreni agricoli interessati dallo stoccaggio, i quali dovranno rispondere, ciascuno per le proprie responsabilità, del reato di illecita gestione di rifiuti".

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi