Scerni, cucciolo di capriolo salvato e affidato alla Forestale - Esemplare di pochi giorni trovato a bordo strada questa mattina
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


20 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Scerni   Ambiente 12/05/2015

Scerni, cucciolo di capriolo
salvato e affidato alla Forestale

Esemplare di pochi giorni trovato a bordo strada questa mattina

Christian e Giuseppe con la piccola 'Zoi' (foto Costanzo D'Angelo)"E' un cucciolo di pochissimi giorni, uno, forse due. Ora lo trasferiremo al Centro Recupero Rapaci di Pescara, dove verrà curato e accudito. Tra qualche mese potrà essere liberato in natura". Sono stati gli uomini del comando stazione di Atessa del Corpo forestale dello Stato, il vice sovrintendente Pasquale Appezzato e l'assistente Domenico Di Renzo, a prendere in consegna il cucciolo di capriolo salvato questa mattina a Scerni e portarlo dai loro colleghi pescaresi. "Ho notato questo piccolo animale sul ciglio della strada - spiega la signora Maria De Francesco - e così ho fermato la macchina. Lì sarebbe sicuramente morto e così l'ho portato a casa mia e ho chiamato la Forestale". Ad aiutarla nel primo recupero anche Giampiero Marrone, del gruppo di protezione civile di Scerni. 

Arrivato a casa il capriolo è stato accolto con stupore dai figli di Maria, Christian e Giuseppe, che lo hanno messo sotto delle coperte e lo hanno coccolato fino all'arrivo degli uomini della forestale. A Christian, il più piccolo dei due, che non voleva separarsi da quel cucciolo arrivato in casa, il compito della scelta del nome che, alla fine, è ricaduta su Zoi. "Ora lo faremo curare - ha spiegato il sovrintendente Appezzato a Christian - e quando starà bene andremo a liberarlo insieme. Tra qualche mese potrai rivederla".

Guarda il video Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi