Alta velocità e ’nuovi’ parcheggi: "Via San Michele è pericolosa" - La segnalazione di una residente sui disagi registrati negli ultimi giorni
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   L'angolo dei lettori 20/04/2015

Alta velocità e ’nuovi’ parcheggi:
"Via San Michele è pericolosa"

La segnalazione di una residente sui disagi registrati negli ultimi giorni

L'auto tamponata mentre era in sosta

Da una residente di via San Michele riceviamo la segnalazione di un'aumentata pericolosità della strada dopo il cambio di disposizione dei parcheggi (ora parallaleli alle corsie di marcia) deciso dal Comune di Vasto.

"La strada è stata trasformata in una strada ad ostacoli. Infatti chi percorre questa da sud a nord, esattamente all'altezza di un dosso che si trova in prossimità dell'Hotel dei sette si trova la strada che  curva e immediatamente dopo macchine parcheggiate sul bordo di essa. Se via San Michele si percorre da nord a sud dopo il suddetto dosso si trovano altre macchine parcheggiate questa volta sul lato della villa comunale. 

Considerando che purtroppo questa strada, di sera in modo particolare, è percorsa ad alta velocità capita spesso di vedere piccoli slalom che a volte non provocano danno, ma altre decisamente si! Si parla sia di danni a persone che a veicoli fermi. È stato anche posizionato un segnalatore di velocità che serve solo, ad alcuni individui, a gareggiare in velocità e controllare la loro bravata!

Quanto tempo bisognerà aspettare prima che le autorità cittadine si rendano conto della pericolosità di tutto ciò? Dovrebbe forse essere installato un rallentatore

Vi allego una foto del  risultato di un folle transito avvenuto ieri sera".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi