Entroterra isolato, a Castiglione la protesta degli studenti - I ragazzi hanno prima bloccato il bus, poi si sono diretti in Municipio
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


20 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Entroterra isolato, a Castiglione
la protesta degli studenti

I ragazzi hanno prima bloccato il bus, poi si sono diretti in Municipio

La protesta degli studenti (foto Eco Alto Molise)Sono gli studenti di Castiglione Messer Marino a scendere in piazza per primi esprimendo la loro rabbia per il progressivo isolamento dell'Alto Vastese. Una frana dopo l'altra, ogni giorno c'è da fare la conta delle strade rimaste ancora percorribili. Ieri l'ultima di una lunga serie di chiusure, con la strada che collega Torrebruna e Castiglione bloccata nei pressi di Guardiabruna.

Così gli studenti, che già in condizioni di normalità devono sobbarcarsi un lungo viaggio per raggiungere le scuole superiori di Atessa, hanno detto "basta" e questa mattina, quando era ancora buio, hanno bloccato in strada l'autobus che avrebbe dovuto portarli a valle. In maniera pacifica e con eloquenti striscioni in mano hanno protestato per quella che è una situazione che si aggrava ogni giorno. Dopo gli ultimi eventi (frana a Montazzoli e Guardiabruna), nessun atto concreto da parte delle istituzioni competenti. E così, per loro e per tanti altri studenti e lavoratori, percorrere distanze anche brevi diventa un'impresa da "giro del mondo". 

Dopo la protesta mattutina i ragazzi hanno raggiunto il Municipio, per chiedere agli amministratori comunali di esprimere con forza il dissenso di una comunità che sta rimanendo isolata.

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi