Educare e crescere nella legalità, il video contro l’alcol ai minori - Nuova iniziativa nell’ambito del mese della prevenzione dell’alcolismo
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


20 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

San Salvo   Attualità 07/04/2015

Educare e crescere nella legalità,
il video contro l’alcol ai minori

Nuova iniziativa nell’ambito del mese della prevenzione dell’alcolismo

Immagine tratta dal videoAprile è il mese nazionale per la prevenzione dell’alcolismo e il tema scelto per quest’anno è "Alcol e minori". Si inserisce in questa campagna nazionale anche il settimo video di sensibilizzazione del progetto Educare per crescere nella legalità (realizzato dal Comune di San Salvo grazie ai fondi per la Sicurezza e legalità della Regione Abruzzo).

Come sottolineano dagli uffici comunali, la campagna di prevenzione è diventata da anni ormai una necessità derivata dalla lettura dei dati derivanti da ricerche sul territorio nazionale relative appunto al rapporto tra minori e alcol. L'età di iniziazione al consumo di alcol è di 11-12 anni e la quota di quanti hanno almeno un comportamento a rischio è molto rilevante tra i giovanissimi di 11-15 anni: le percentuali rilevate sono pari al 12,4% per i maschi e al 10% per le femmine; Il 10,2% degli adolescenti 11-17enni (l'11,7% dei ragazzi e l'8,5% delle ragazze) hanno almeno un comportamento di consumo a rischio, di cui 0,6% un consumo giornaliero non moderato e il 2,9% (3,5 di maschi e 2,2 di femmine) un consumo di binge-drinking, cioè di più bevande alcoliche in breve tempo. Anche tra i ragazzi di 16-17 anni il quadro dei comportamenti di consumo a rischio è piuttosto critico, interessando il 10,2% dei ragazzi e il 4,8% delle ragazze. Inoltre, già a questa età il binge drinking raggiunge livelli superiori a quelli medi della popolazione. Il consumo di alcol fuori dai pasti almeno una volta a settimana è un'altra tipologia di consumo frequente e a rischio per i giovanissimi: riguarda il 4,8% dei ragazzi tra gli 16 e i 17 anni (6,7% dei maschi e 2,6% delle femmine) (Istat, 2014). Sono numeri che devono far riflettere.

Nonostante il Ministero dello Sviluppo Economico in data 4 febbraio 2013 abbia chiarito che l'applicabilità del divieto di vendita di bevande alcoliche ai minori di anni 18, previsto dall'art. 7 del DL 158/2012, vale anche per la somministrazione sul posto, è molto frequente vedere minori nei locali e fuori che consumano birra o altre bevande alcoliche.

"Il video - sottolineano dal Comune - nella parte finale ricorda che fornire alcolici a minori è reato. È proprio questo che si vuole evidenziare: a volte, dietro ad un comportamento a rischio di un minore c’è la compiacenza di un adulto. Si sa che per scoraggiare il consumo di bevande alcoliche tra i minori di 16 anni, i divieti da soli non bastano. Occorre pertanto uno sforzo supplementare da parte di tutti gli adulti ed una corretta informazione al fine di tutelare la salute dei ragazzi".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi