Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


20 giugno 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Sport 22/03/2015

In marcia contro il femminicidio
per non dimenticare e riflettere

Licia Zulli: ’Non bisogna dimenticare la vera natura di queste morti’

Il corteo ha terminato il suo cammino nel centro DonnAttivaPer dire no al Femminicidio. Ieri sera alle 19:00 una lunga ‘marcia silenziosa’ ha riempito le vie del centro vastese. A scendere in piazza oltre un centinaio di persone che, tenendo in mano le significative fiaccole accese, hanno manifestato la propria partecipazione alla lotta contro la violenza di genere. Partito da piazza Rossetti, il corteo ha proseguito il proprio cammino verso corso Italia, passando poi per via XXIV Maggio, via Cavour, Corso de Parma, via Adriatica, sino ad arrivare nella sede del centro DonnAttiva.

‘Questa marcia- ha raccontato la coordinatrice del centro Licia Zulli- non è stata programmata. Perché purtroppo si è aggiunta un’altra donna alle vittime di femmicidio, proprio a Vasto. Perché si parla di femminicio?- ha spiegato- Perché il termine identifica una morte avvenuta all’interno di una relazione, tra un uomo ed una donna. Non è avvenuta a causa di un furto, un’aggressione di altro genere. È avvenuta perché all’interno di una relazione di coppia è maturata e si è sviluppata un rapporto violento. Invito anche la stampa- ha proseguito- a fare una riflessione sull’utilizzo dei termini quando si scrivono gli articoli. Quando avvengono morti come queste non si tratta mai di raptus, di delitti passionali. Le storie delle donne che vengono da noi ci dicono esattamente il contrario. La violenza, in questi casi, diventa la modalità di risoluzione dei conflitti all’interno di una relazione e chi sceglie di risolvere i problemi di coppia in questa maniera ha scelto una strada. Un femminicidio è sempre il risultato di una spirale violenta che culmina con un atto di questo genere. Questo è importante dirlo e ribadirlo ed è importante che una comunità, come lo è la nostra, stia vicina alle vittime”.

Nella serata di ieri c’è stata grande partecipazione da parte di uomini e donne di ogni età, uniti nel silenzio, in quello stesso silenzio lasciato da chi ieri non poteva essere presente. E nello stesso silenzio, dopo un lungo applauso, si è conclusa la manifestazione. 

Guarda il video Guarda le foto

di Silvio Laccetti (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti


Video - In marcia contro il femminicidio

In piazza per dire no al femminicidio
servizio di Silvio Laccetti 



 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi