’Brindisi amaro’ al San Francesco per i 100 giorni senza stipendio - Un nuovo sit-in dei lavoratori della fondazione Mileno
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


25 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 08/03/2015

’Brindisi amaro’ al San Francesco
per i 100 giorni senza stipendio

Un nuovo sit-in dei lavoratori della fondazione Mileno

Il 'brindisi amaro' al San FrancescoUna torta con le candeline che compongono il numero 100 e una bottiglia di spumamante. Questa mattina i lavoratori della Fondazione Padre Alberto Mileno si sono ritrovati davanti alla sede dell'Istituto San Francesco, in viale Dalmazia, per un brindisi amaro vista la loro situazione, che da 100 giorni li vede senza lo stipendio. In settimana, dopo l'incontro presso l'Asrem del Molise, Cgil e Uil avevano evidenziato alcune incongruenze tra la posizione dell'azienda e alcune informazioni ricevute dai vertici della sanità molisana. 

"Da riscontri effettuati - spiegano i sindacati -, la Fondazione che si distingue come ONLUS, in questo primo bimestre, ha ricevuto dalle ASL oltre due milioni di euro, per cui non riusciamo a comprendere il motivo del mancato pagamento degli stipendi e, purtroppo, a questo punto temiamo che la situazione sia molto più complessa e compromessa rispetto a quella che hanno fatto trasparire. Questo continuo precipitare della situazione finanziaria della Fondazione che ormai si protrae dall’agosto 2014 ,riconosciuta anche dagli attuali amministratori, segna una condizione prefallimentare, in quanto non si riesce più a sostenere il costo del personale. Affermare oggi che la colpa del dissesto economico sia solamente frutto del mancato rientro di ipotetiche somme pregresse vantate nei confronti delle varie ASL, ci sembra perlomeno eccessivo o poco chiaro, pertanto chiediamo ai Responsabili dell'Ente, per quale motivo la FONDAZIONE P.A.M. con le rimesse correnti che arrivano, non  riesce più a garantire gli stipendi?".

Domande ribadite anche questa mattina al sit-in, a cui hanno partecipato alcuni esponenti politici del territorio, Gianluca Castaldi, Pietro Smargiassi, Arnaldo Mariotti, Giuseppe Forte e Paola Cianci. Anche il direttore della Fondazione, padre Franco Berti è stato presente al sit-in, ascoltando le istanze dei lavoratori. Vista la concomitanza con la festa della donna, Cgil e Uil hanno ommaggiato tutte le donne presenti con una mimosa, sperando possa rappresentare un segno di speranza per una situazione che si aggrava settimana dopo settimana.

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi