E’ morto Pino Daniele, nel 2007 cantò a Vasto - E’ scomparso il grande cantante. Uno spezzone del concerto all’Aqualand
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


25 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Musica 05/01/2015

E’ morto Pino Daniele,
nel 2007 cantò a Vasto

E’ scomparso il grande cantante. Uno spezzone del concerto all’Aqualand

Pino DanieleLa notizia riempie di tristezza il cuore dei suoi fans, degli appassionati di musica e di tutti coloro che, nell'estate 2007, erano lì, tra il pubblico del concerto di Vasto.

In tutta Italia sono le ore del cordoglio e del ricordo, quelle che seguono la morte del grande cantautore napoletano Pino Daniele.

Emozioni intense, come quelle che aveva suscitato il 14 agosto agosto di otto anni fa nell'area eventi del Parco Aqualand, dove aveva eseguito le canzoni del suo ultimo cd di allora, intitolato Il mio nome è Pino Daniele e vivo qui e i suoi successi storici; Na tazzulella e' café, Je so' pazzo, Quando, O' scarrafone, Napule è, Quanno chiove, A me me piace o' blues, Yes I know my way e altri ancora.

Ecco un breve spezzone, tratto da Youtube, del suo concerto di Vasto: (clicca qui)

L'ultima sua esibizione è del 31 dicembre, nel Concerto di Capodanno di RaiUno.

E' stato il suo amico e collega Eros Ramazzotti a dare per primo la notizia su internet: "Anche Pino ci ha lasciato", ha scritto Ramazzotti. "Grande amico mio, ti voglio ricordare con il sorriso mentre io, scrivendo, sto piangendo. Ti vorrò sempre bene perché eri un puro ed una persona vera oltre che un grandissimo artista. Grazie per tutto quello che mi hai dato fratellone, sarai sempre accanto al mio cuore. Ciao Pinuzzo".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi