Grasso a Vasto inaugura il monumento ai carabinieri - Anche sei strade di Vasto intitolate ad eroi dell’Arma
 
Vasto   Attualità 09/12/2014

Grasso a Vasto inaugura
il monumento ai carabinieri

Anche sei strade di Vasto intitolate ad eroi dell’Arma

L'inaugurazione del monumento"Esprimo un sentito apprezzamento per questa iniziativa, che include l'intitolazione dell'intera zona all'Arma di carabinieri". Il presidente del Senato, Pietro Grasso, a inaugurare stamani a Vasto il monumento che il Comune ha fatto installare nel quartiere di via Alborato in occasione del Bicentenario dell'Arma dei carabinieri. Nel corso della cerimonia sei strade sono state intitolate alla memoria di altrettanti militari eroi. "L'ultimo rapporto dell'Eurispes - ha detto nel suo discorso ufficiale la seconda carica dello Stato - evidenzia che l'Arma dei carabinieri come come l'istituzione che gode della maggior fiducia da parte dei cittadini".

Nelle interviste rilasciate a margine della cerimonia, Grasso ha sottolineato come l'Abruzzo sia "una regione di cerniera, che combatte con efficacia il pericolo di infiltrazioni della criminalità organizzata".

Altro ospite d'onore è stato il vice presidente del Consiglio superiore della magistratura, Giovanni Legnini: "Questo monumento costituisce per noi un monito" ai fini del rispetto della legalità. Poi il numero due dell'organo di autogoverno dei magistrati ha elogiato i carabinieri per "le operazioni di enorme rilievo nel contrasto alla criminalità organizzata".

Il monumento, realizzato dal professor Giuseppe Colangelo in pietra della Majella, estratta da una cava di Pacentro, è stato scoperto alla presenza delle autorità civili e militari, tra cui il generale Franco Mottola, comandante interregionale dei carabinieri dell'Italia Meridionale, che con orgoglio ha parlato dei sei militari cui sono state intitolate altrettante strade del quartiere sorto e ampliatosi a macchia d'olio negli ultimi 15 anni: "Sei carabinieri protagonisti di pagine di gloria per il nostro Paese", in cui le caserme dei carabinieri sono "4mila 590 insostituibili presidi di legalità".

Dopo l'inaugurazione del monumento, che rappresenta la fiamma simbolo della Benemerita, e la benedizione impartita da monsignor Massimo D'Angelo, parroco della chiesa di Santa Maria del Sabato Santo, è stata la volta dell'intitolazione delle strade a Salvo D'Acquisto, Chiaffredo Bergia, Silvino Michetti, Sebastiano Preta, Camillo D'Onofrio e Giustino Fusco. "Escluso Salvo D'Acquisto, che era napoletano, gli altri cinque sono legati alla provincia di Chieti", ha ricordato nei giorni scorsi il generale Claudio Quarta, comandante della Legione carabinieri Abruzzo.

Grasso ha voluto la presenza degli studenti delle scuole di Vasto e con loro si è fermato durante e dopo la cerimonia per strette di mano, sorrisi e qualche foto. 

Poi un fuori programma: prima di ripartire per Roma, il presidente del Senato si è fermato in municipio per ricevere i rappresentanti sindacali degli operai della ex Golden Lady di Gissi, che da anni attendono la soluzione di una crisi estenuante.

Guarda il video Guarda le foto

Commenti


Video - Alessia (sindaco dei ragazzi di San Salvo): 'Giornata emozionante'

di Giuseppe Ritucci - immagini di Silvio Laccetti

Video - Generale Quarta: 'L'Arma dei carabinieri vicina alla gente'

di Giuseppe Ritucci - immagini di Silvio Laccetti

Video - Giuseppe Colangelo, autore del monumento ai carabinieri

di Giuseppe Ritucci - Immagini di Silvio Laccetti

Video - Vasto, il presidente del Senato inaugura il Monumento ai carabinieri

Servizio di Michele D'Annunzio (Zonalocale) - Riprese e montaggio di Nicola Cinquina (Vastonews)



 

 
 

Chiudi
Chiudi