"Nuova rotatoria, fermate bus intralciano: troppo vicine" - Inchiesta sulla viabilità/3 - La protesta dei conducenti degli autobus
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 25/11/2014

"Nuova rotatoria, fermate bus
intralciano: troppo vicine"

Inchiesta sulla viabilità/3 - La protesta dei conducenti degli autobus

Vasto, via San Michele: la nuova rotatoria"Con la nuova rotatoria, se le fermate rimangono dove sono, ogni sosta diventa un problema", protesta Vincenzo Giangiacomo della Filt-Cgil. Sono ancora in costruzione le nuove canalizzazioni del traffico tra via San Michele, via Tobruk, corso Nuova Italia e via Cavour, ma già sorgono i primi problemi nel centro di Vasto. 

A fare sentire la loro voce dopo aver constatato alcuni disagi sono i rappresentanti sindacali degli autisti della Sat, la società che gestisce in città i n trasporti pubblici urbani.

"Le fermate degli autobus - fa notare Giangiacomo - si trovano nello stesso punto di prima, quando non c'erano né la rotatoria, né lo spartitraffico. Appena ci fermiamo, siamo costretti a bloccare il traffico e, nelle ore di punta, quando qui transitano anche i bus extraurbani da 12 metri, si crea la coda".

"Ben venga la rotatoria, che può aiutare a rendere meno insidioso questo crocevia", precisa Franco De Santis della Fit-Cisl. "Ma, per garantire la necessaria sicurezza stradale, le fermate vanno spostate perché, con le nuove canalizzazioni, sono troppo vicine all'incrocio e recano intralcio alla circolazione. Qui si fermano gli autobus di 6 linee urbane e numerosi pullman delle tratte extraurbane. Siamo convinti che l'amministrazione comunale ci ascolterà, ma ci chiediamo: non era il caso di spostarle prima di costruire la rotatoria, in modo da eliminare subito il problema?".

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Chiudi
Chiudi