"La forza delle donne" per dire no a violenza e discriminazioni - Un convegno organizzato dall’associazione Nuova Alba
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


24 settembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 25/11/2014

"La forza delle donne" per dire
no a violenza e discriminazioni

Un convegno organizzato dall’associazione Nuova Alba

La forza delle donneNel giorno dedicato alla lotta contro la violenza sulle donne, presso il teatro Madonna dell'Asilo di Vasto si è tenuto un convegno aperto al pubblico e ai ragazzi delle scuole medie e superiori di Vasto dal titolo La forza delle donne. Un appuntamento durante il quale si è cercato di trattare in maniera più approfondita il tema della violenza sulle donne e sul femminicidio. Con gli interventi dello psicologo Luigi Gileno, di Angela Pennetta, presidente dell'associazione Nuova Alba, Tiziana Smargiassi e la lettura di una storia di violenze interpretata da Annamargareth Ciccotosto, l’appuntamento ha messo in luce quelle che sono le realtà odierne riguardo al tema affrontato. “Per una giornata così importante, offrire la possibilità all’associazione Nuova Alba di poter organizzare un convegno sul tema della lotta contro alla violenza sulle donne nel nostro tetaro era il minimo” ha spiegato Massimiliano Melchiorre, Presidente della cooperativa che gestisce l’istituto in via Madonna dell’Asilo.

Riguardo alle ripercussioni psicologiche messe in atto nei soggetti vittime di violenza, si è espresso lo psicologo Luigi Gileno che ha affermato: La vera problematica per chi è stata vittima di violenze da parte di un uomo sta nell’aspetto psicologico, più che in quello fisico. Quando una ragazza, una donna, una mamma, subisce violenze molte volte in lei il meccanismo primario che ne consegue è quello di escludere l’altro sesso. Ricordo un caso di una ragazza che soffriva molto d’ansia e non riusciva a stare nei posti frequentati da uomini. Scavando nel suo passato e parlando con lei, alla fine scoprii che aveva subito, quando era molto piccola, violenze da parte di un uomo adulto, suo vicino di casa. Con il passare del tempo le avance dell’uomo si fecero insistenti, ma la ragazza non ne parlò mai con nessuno". Storie terribili, storie di silenzi. Un altro problema è dato proprio dai silenzi, come ha sottolineato Angela Pennetta: E’ necessario denunciare sempre, sin dal primo accaduto, la presenza di violenze ricevute. Bisogna parlarne e farlo non solo con un legale, ma anche con uno psicologo. Le due figure sono complementari per affrontare questo tipo di problematiche. La ragazza vittima di aggressioni sente dentro di sè  il bisogno di comunicare e non deve avere paura di farlo. Solo in questo modo è possibile combattere veramente la brutalità di certi atti".

L’appuntamento è poi proseguito con alcune video-testimonianze di giovani vittime che hanno raccontato la propria storia. Successivamente un confronto fatto di domande da parte dei giovani alunni ed infine delle letture hanno concluso la mattinata. Mentre il Rapporto Eures sul femminicidio in Italia annuncia che il 2013 è stato un anno nero (14% di femminicidi in più rispetto alla passata annata, percentuale più alta fin’ora) c’è tanta voglia di combattere un fenomeno che purtroppo sembra esistere e coesistere ancora oggi. L’obiettivo rimane quello di sensibilizzare le giovani generazioni verso queste tematiche, parlandone e ad affrontando il problema senza paura. 

Guarda le foto

di Silvio Laccetti (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

    Annunci di Lavoro


      Chiudi
      Chiudi