Vasto: a 70 anni dal cambio nome e dall’istituzione del tribunale - La conversazione del prof. Luigi Murolo affronta il tema
Timeout- Il confronto tra Bosco e D'Elisa sulla scuola CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cultura 19/11/2014

Vasto: a 70 anni dal cambio nome
e dall’istituzione del tribunale

La conversazione del prof. Luigi Murolo affronta il tema

Una cartolina di IstonioVasto: a settant’anni dal cambio di nome e dall’istituzione del Tribunale, è questo il tema al centro di un convegno che si svolgerà giovedì 20 novembre alle 18.00 presso la Torre Diomede del Moro in collaborazione con L’Associazione Nazionale dei Vigili del Fuoco in Congedo di Vasto. 

"Nella stessa Gazzetta Ufficiale del Regno d’Italia - spiega Davide Aquilano, presidente della sezione Italia Nostra del Vastese - lo Stato Italiano riconosce ufficialmente il cambiamento di nome di Istonio in quello di Vasto istituendo, contestualmente e in modo temporaneo, il Tribunale. Poco tempo dopo, il definitivo insediamento dell’organismo giudiziario favorisce la provvisoria costituzione di una sezione di corte di assise per lo svolgimento di un processo per crimini di guerra.

Il rapporto tra cambio di nome e tribunale costituisce un importante momento di riflessione per cogliere il senso della ridefinizione della città nella nascente Repubblica Italiana. A settant’anni da quegli eventi, incredibilmente dimenticati in città, la conversazione del prof. Luigi Murolo cerca di affrontare un tema di «archeologia repubblicana» nel contesto del passaggio tra governo Badoglio e governo Bonomi".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi