Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


18 settembre 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cultura 19/11/2014

"Guerra e Resistenza in Abruzzo"
tra cultura e passione civile

Incontro presso l’Associazione Nazionale Invalidi e Mutilati di Guerra

La Brigata Maiella"La benemerita sezione di Vasto non chiuderà i battenti, almeno fino a quando ci sarò io". È stato il generale Carlo Palumbo, presidente provinciale di Chieti dell’Anmig e vicario regionale dell’associazione nazionale dei mutilati e invalidi di guerra, a far tirare un sospiro di sollievo agli iscritti vastesi dell’organizzazione, che, l’altra sera, hanno partecipato numerosi al convegno sul tema “Guerra e Resistenza in Abruzzo”, con lo storico Costantino Felice appassionato relatore. Nella sede di via Leopardi, per l’occasione tirata a lucido dal fiduciario di sezione, l’ingegner Alessio Ciffolilli e dalle “Donne del Sorriso”, un gruppo di laboriose iscritte, un pubblico numeroso e partecipe ha rivissuto alcuni dei passaggi più importanti del secondo conflitto mondiale e della lotta partigiana in Abruzzo, con la Brigata Maiella e non solo in primo piano.

"L’Abruzzo – ha detto tra l’altro Felice – ha segnato pagine fondamentali nel conflitto". Tra gli ospiti, con il generale dei carabinieri, Gianfranco Rastelli, c’erano, tra gli altri, la parlamentare del Pd, Maria Amato e il sindaco di Vasto, Luciano Lapenna. Appassionate le riflessioni della Amato, pronta a rinverdire i ricordi del papà, militare nei sommergibili della Marina Militare e dello stesso primo cittadino. E si è commosso fino alle lacrime, Luciano Lapenna, che dell’Anmig è da tempo socio, quando ricordando papà Alberico, mutilato di guerra e di recente scomparso, ha evocato lo spirito di chi, oggi come nel passato, è pronto a lottare per tenere alti i valori della patria. La serata è stata impreziosita da un momento musicale, con l’ esecuzione di brani classici della melodia italiana, eseguiti  dal trio formato dal  maestro Silvano  Muratore, il soprano  Noriko Oto  e dalla  violinista  Mayumi  Muratore. "Non si è trattato di una mera operazione nostalgia – ha detto alla fine, soddisfatto – il presidente Palumbo – posto che gli interventi, la rigorosa relazione del professor Felice, sono stati di alto profilo storico ed umano. Due ore che hanno arricchito il pubblico in termini di cultura, passione civile, impegno sociale. E di questi tempi non è poco".


Gianni Quagliarella

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Annunci di Lavoro

     
     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi